Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Acquista visibilità editando contenuti!
,

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

Guida Bonus Mobili

Nuovi chiarimenti dall’Agenzia delle Entrate, pubblicate una pratica Guida alle Agevolazioni con alcune delle recenti risposte e chiarimenti in materia di detrazioni o bonus per ristrutturazioni, bonus verde e bonus mobili.

Guida alle Agevolazioni

Interventi edilizi necessari per avere le detrazioni

Doveroso premettere quali sono gli interventi edilizi che permettono di avere le detrazioni:

Riguardo i lavori di manutenzione ordinaria su singoli appartamenti come ad esempio, la tinteggiatura di pareti e soffitti, la sola sostituzione di pavimenti, o la sostituzione di infissi esterni, così come rifacimento di intonaci interni) >NON danno diritto al bonus

La pubblicazione stila anche un elenco di dettaglio e di esempi di lavori su singoli appartamenti o parti condominiali che danno diritto al bonus.

Bonus ristrutturazioni anche per i lavori fai da te

L’Agenzia delle Entrate ricorda che “la detrazione delle spese per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, prevista dall’articolo 16-bis, Tuir, compete anche a chi esegue in proprio i lavori sull’immobile, limitatamente alle spese sostenute per l’acquisto dei materiali utilizzati”. Quindi, possibile la detrazione relativa alle spese di acquisto materiale anche per i lavori fai da te.

Ricordiamo ancora che la legge di bilancio 2018 ha prorogato fino al 31 dicembre 2018 la detrazione del 50%, da calcolare su un importo massimo di 96.000 euro per unità immobiliare.

Quindi se si è effettuato un intervento di ristrutturazione nel 2017, è ancora possibile usufruire del cosiddetto Bonus mobili per acquisti di arredi effettuati nel 2018 alla luce di quanto stabilito dalla recente legge di Bilancio 2018, è possibile usufruire della detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe energetica non inferiore alla A+ (A consentita solo per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione, anche per gli acquisti che si effettuano nel 2018, limitatamente agli interventi di recupero del patrimonio edilizio iniziati a decorrere dal 1º gennaio 2017 (articolo 16, comma 2, Dl 63/2013, come modificato dall’articolo 1, comma 3, legge 205/2017).

Altresì, di rilievo che si possano detrarre anche le spese sostenute per trasporto e montaggio dei mobili ed elettrodomestici, che rientrano quindi nel bonus mobili. Anche i pagamenti per il trasposto e il montaggio devono essere avvenire con bonifico o carte di debito o credito. Non è consentito, invece, pagare con assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento.

Si ricorda infine che, a prescindere dall’importo delle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione, il bonus mobili deve essere calcolato su un importo massimo di 10mila euro, riferito, complessivamente, alle spese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici.

La detrazione deve essere ripartita tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo.


Bonus Mobili