Come trovare un consulente per aste immobiliari

Consulente di aste immobiliari: vi siete mai chiesti di che cosa si occupa esattamente? Si tratta di una figura professionale estremamente diversa rispetto rispetto all’agente immobiliare: il consulente di aste immobiliari si occupa dell’attività di consulenza per il proprio cliente e lo segue in ogni fase della vendita che avviene tramite asta. Si tratta di un vero e proprio professionista che consente al cliente di seguire con cura ogni fase dell’asta: tutti possono infatti partecipare alle aste, ma è anche vero che potrebbero sorgere dei problemi e sarebbe meglio poter fare affidamento su una figura professionale in grado di evitare che insorgano problemi al momento dell’acquisto. È anche possibole poter acquistare casa all'asta tramite agenzia, ma il consiglio è di affidarsi a un consulente specializzato. Ma come trovare un consulente aste immobiliare e come diventare consulente aste immobiliare? Quali sono i suoi compiti precisi? Vediamo nel dettaglio i suoi compiti e l’importanza del suo ruolo.

Consulente aste immobiliari, il suo ruolo

Quale ruolo svolge esattamente il consulente di aste immobiliari? Si tratta di una figura professionale che svolge attività di consulenza per il proprio cliente e lo segue in ogni fase della vendita all’asta che potrebbe comportare dei rischi e dei problemi. Il consulente mette al servizio del cliente la sua professionalità per aiutare il cliente in ogni fase e per consentirgli la scelta più adatta alle sue esigenze. Si parte pertanto dall’attività di individuazione dell’immobile che dovrà essere acquistato. È necessario quindi che il consulente ascolti e comprenda le esigenze del cliente in una prima fase di approccio in modo tale da indirizzare al meglio la sua ricerca. Dovrà cercare l’immobile giusto in base alle caratteristiche richieste dal suo cliente e occuparsi anche di effettuare il sopralluogo. Dovrà accompagnare il cliente nel sopralluogo cercando di mettere in evidenza tutti i punti di forza e tutti i punti critici dell’immobile stesso. Ricordate che il consulente d’asta lavora solo ed esclusivamente nell’interesse del suo cliente e non semplicemente per favore la domanda e l’offerta. Il consulente dovrà anche seguire il cliente nel corso della presentazione dell’offerta dell’asta. Una volta che il cliente sarà riuscito ad aggiudicarsi l’immobile, il consulente dovrà aiutare il cliente a compiere i diversi adempimenti burocratici necessari per entrare in possesso dell’immobile:

  • È necessaria l’istanza per chiedere la liberazione dell’immobile entro 120 giorni;
  • È necessario effettuare il saldo spese procedura;
  • Procede al saldo prezzo acquisto
  • Effettuare la sottoscrizione acquisto in Tribunale.

Successivamente il consulente dovrà anche seguire il cliente per la stipulazione del mutuo e potrà anche accertarsi che il cliente sia in possesso dei requisiti necessari per poter richiedere il mutuo. Ricordate anche che il consulente per aste immobiliari è una figura professionale che deve assistere il cliente nella vendita e in tutti gli adempimenti burocratici successivi. Il ruolo del consulente infatti è quello di poter seguire il cliente in ogni fase dell’asta seguendolo in ogni fase della procedura per evitare che cada in qualche errore anche grossolano. L’attività svolta dal consulente è estremamente diversa rispetto a quella del mediatore: in questo caso si tratterebbe di favorire l’incontro fra la domanda e l’offerta, mentre il consulente è pronto a fare solo ed esclusivamente l’interesse del suo cliente seguendolo in ogni singola fase dell’acquisto.

Come diventare consulente per aste immobiliari

Il consulente per aste immobiliari è tenuto a seguire il suo cliente in ogni fase dell’asta e dovrà dimostrare di avere le necessarie competenze per poter lavorare nel mercato delle aste immobiliari, tra cui le necessarie competenze in ambito legale, soprattutto in merito alle compravendite. Nonostante ciò è piuttosto semplice poter diventare consulente per aste immobiliari. Non viene richiesta alcuna iscrizione ad albi o ente ufficiale come “Esperti” o “Periti” di aste giudiziarie che sia necessaria per abilitare alla professione. Ma come diventare effettivamente consulenti per aste immobiliari? È possibile poter aprire una propri agenzia privato oppure, se si vuole rischiare di meno, è anche possibile poter ricorrere al decidendo di ricorrere al franchising.

I requisiti

Vediamo quali sono i requisiti necessari poter diventare consulente di aste immobiliari. È necessario avere le giuste competenze, ma anche adempiere a una serie di obblighi burocratici che troverete di seguito:

  • Apertura della partita IVA;
  • Apertura della posizione INPS e INAIL;
  • Iscrizione al registro delle imprese;
  • Dichiarazione di inizio attività al Comune, che dovrà essere effettuata almeno 30 giorni prima dell’apertura;
  • Richiesta e ottenimento del permesso per poter affiggere l’insegna esterna;
  • Dichiarazione Unica che dovrà essere inviata tramite PEC alla Camera di Commercio.

Quelli sopra elencati sono i requisiti necessari a livello nazionale, ma poi ovviamente possono anche essere richiesti degli ulteriori requisiti e adempimenti richiesti dalle diverse regioni italiane. Anche in questo caso è meglio affidarsi a un professionista, un commercialista che possa aiutare l’aspirante consulente nell’espletamento delle pratiche e potersi ance informare presso lo SUAP del proprio Comune. Non è indispensabile, ma sarebbe consigliato anche avere una laurea in giurisprudenza e una certa dimestichezza nel saper padroneggiare le diverse situazioni legali. È anche possibile poter diventare consulente di aste immobiliari aprendo la propria agenzia in franchising. In questo caso è necessario rivolgersi a un’azienda madre che concede all’affiliato l’uso del marchio e assistenza e formazione in cambio di una percentuale sul fatturato, definita royalty, oppure della commissione di ingresso, detta fee. Aprire un’agenzia di aste immobiliari richiede un investimento iniziale che è piuttosto contenuto: i costi di avvio per uno studio privato si attestano intorno ai 20.000 euro, mentre i cosi per poter aprire un’agenzia di consulenza per aste immobiliari in franchising richiede un investimento iniziale ancora più basso che va dai 5.000 ai 15.000 euro in base al marchio e alla dimensione dell’agenzia.

Come trovare un consulente per aste immobiliari

Per poter trovare un consulente aste immobiliari è possibile potersi rivolgere alle specifiche agenzie private o in franchising anche effettuando una ricerca delle agenzie online. Troverete tutte le informazioni necessarie relative ai servizi offerti dall’agenzia. All’inizio viene offerta una consulenza gratuita nel corso della quale si illustreranno tutte le procedure sulla base delle esigenze e delle cliente del cliente, del budget di spesa previsto, della possibilità di richiedere un mutuo bancario. Nel momento in cui gli viene conferito l’incarico, il consulente comincerà a lavorare per mettersi alla ricerca dell’immobile desiderato dal cliente effettuando poi anche lo studio di fattibilità per raccogliere le informazioni relative all’acquisto in asta, accompagnando il cliente nel sopralluogo della casa e seguendolo nelle fasi successive.