Google investe 2 miliardi per i nuovi uffici di New York

Google investe 2,1 miliardi di dollari per l'edificio degli uffici di Manhattan.

Il gigante della tecnologia ha costruito un campus tentacolare nel West Side di Manhattan e conta 12.000 dipendenti in città ed ha affermato che la sua decisione di acquistare l'edificio del terminal di St. John's riflette la sua fiducia nella vitalità di New York City.


Google ha appena pagato uno dei prezzi più alti degli ultimi anni per un edificio per uffici negli Stati Uniti fornendo così una scossa di ottimismo a un immobile l'industria colpita dalla pandemia.


Come sarà la struttura del nuovo edificio Google?


Dietro un grande progetto c’è sempre un grande nome e in questo caso è quello di BJARKE INGELS, l'architetto che sta trasformando New York. Ingels è il fondatore di BIG e probabilmente l’architetto più influente al mondo, con la sua propensione alla semplicità, alla rinnovabilità e alle linee pulite e senza troppe complicazioni.

La nuova sede di Google l'ha progettata così: l'edificio si svilupperà su 12 piani in circa 9.000 mq di superficie utile. La cosa più strabiliante è che l’intero stabile occupa esattamente due isolati della città. Google infatti ha acquistato e deciso di ristrutturare il vecchio terminal di St. John si trova nel quartiere West Village, Manhattan Sud,proprio sul fiume Hudson.

Questo enorme edificio avrà la caratteristica di rievocare il passato mettendo in evidenza le rotaie storiche dello scalo ferroviario ma rivolgendo gli occhi verso il futuro, diventando un edificio totalmente green. In che modo? Attraverso la progettazione biofilica e l’attenzione alle energie rinnovabili. Vediamo gli aspetti più importanti:

  • Gli uffici saranno per lo più in vetrate affinchè vengano illuminati dalla luce naturale di giornoe offrendo agli impiegati viste panoramiche sulla città e sul fiume Hudson.
  • Ci saranno distese di terrazze verdi che contribuiranno alla produzione di ossigeno in città e lavoreranno sul buon umore dei dipendenti.
  • Gli uffici prevedono l’immissione di aria esterna altamente filtrata.
  • Ci saranno sistemi di raccolta dell’acqua piovana e di accumulo termico.

Una vera e propria boccata d'aria fresca.

Google è particolarmente sensibile alle tematiche ambientali ed è per questo che ha investito progettando, oltre ai suoi uffici, anche un vero e proprio polmone per Manhattan; ma oltre a questo merito dobbiamo anche rinconoscere che questo suo investimento contribuirà notevolmente a risollevare l'economia e l'umore di New Yor.


Infatti la transazione arriva in un periodo precario per il mercato degli uffici di New York City, il più grande del paese, poiché lo smart working e la dislocazione degli uffici hanno rappresentato la minaccia più grave per l'industria degli ultimi decenni. Fortunatamente le quattro aziende che compongono la cosiddetta Big Tech - Amazon, Apple, Google e Facebook - hanno preso una posizione rialzista sul futuro di New York.

Le aziende hanno rapidamente aumentato le loro operazioni e la forza lavoro, uno dei pochi punti luminosi per New York, che è stata colpita più duramente dal bilancio economico della pandemia rispetto a qualsiasi altra grande città americana.

Google stava già affittando ma non occupando ancora la proprietà di 1,3 milioni di mq, un ex terminal merci vicino all'Holland Tunnel noto come St. John's Terminal che è stato rinnovato e ampliato. La società ha 12.000 dipendenti aziendali a New York City - i suoi più grandi uffici satellite fuori dalla sede della California - e ha detto martedì che prevede di assumere altri 2.000 lavoratori in città nei prossimi anni.

"L'energia, la creatività e il talento di livello mondiale di New York sono ciò che ci tiene radicati qui e il motivo per cui stiamo approfondendo il nostro impegno con i piani per l'acquisto di St. John's Terminal", ha affermato Ruth Porat, direttore finanziario di Google "Non vediamo l'ora di continuare a crescere insieme a questa città straordinaria e diversificata".


Collettivamente, i quattro giganti della tecnologia impiegano più di 22.000 persone nei loro uffici di Manhattan. Ma è improbabile che i loro dipendenti lavoreranno di nuovo cinque giorni alla settimana in ufficio in tempi brevi. Molte aziende tecnologiche hanno affermato che consentiranno ai dipendenti di lavorare in remoto in un accordo ibrido anche dopo la fine della pandemia. Google ha recentemente posticipato i suoi piani di ritorno in carica all'inizio del 2022 a causa della variante Delta altamente contagiosa.


La velocità con cui l'economia si riprende a New York City, in particolare a Manhattan, potrebbe dipendere dagli uffici. Prima della pandemia, attiravano un milione di lavoratori ogni giorno e la spesa di quei lavoratori per qualsiasi cosa, dal caffè mattutino ai pranzi di lavoro agli spettacoli di Broadway dopo il lavoro, sosteneva migliaia di aziende. L'assenza di quei pendolari ha portato molti negozi e ristoranti a chiudere a Manhattan.

Le aziende hanno abbracciato lo smart working durante la pandemia in modi che non avevano mai fatto prima, decidendo che i dipendenti sarebbero stati in grado di continuare a lavorare da casa per una parte o per tutta la settimana dopo la fine della pandemia e persino assumendo nuovi dipendenti che intendono stare lontano da l'ufficio a tempo indeterminato.

Di conseguenza, grandi datori di lavoro hanno rinunciato a grandi locali per uffici contribuendo a quasi il 19% degli uffici di Manhattan disponibili in affitto (quasi il doppio del tasso medio negli ultimi decennio) .

La media nazionale degli impiegati tornati in ufficio ormai è del del 33,6% più del doppio rispetto all’inizio dell’estate anche se molti affermano che il lavoro ibrido rimarrà una caratteristica permanente della cultura del lavoro dopo la pandemia.

Nonostante ciò questa nota positiva porta ottimismo e una boccata di aria fresca a questa città americana duramente colpita dalla pandemia.