Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Acquista visibilità editando contenuti!
,

Il Mercato Immobiliare Umbro da segnali positivi

Secondo lo studio di Tecnocasa, anche a Terni e Perugia, il mercato immobiliare sembra migliorare rispetto al 2012 – 2013.Tale periodo, infatti, segnÃÆ’² un calo spaventoso delle compravendite.

I segnali positivi

Giungono dall’ultimo scorcio dell’anno passato, anche se con alcune differenza sia per ciÃÆ’² che riguarda la tipologia degli immobili che per ciÃÆ’² che concerne le zone urbane. Le proiezioni a dir poco catastrofiche sull’andamento del mercato immobiliare, non corrispondono alla realtÃÆ’ dei fatti. Certo la crisi sta determinando una contrazione del numero delle compravendite, stimabile su base regionale intorno al 5%, ma per quanto si riferisce alle quotazioni riscontriamo mediamente una tenuta.

Gli Immobili di Lusso tengono il passo

Semmai va evidenziata una chiara disomogeneitÃÆ’ della domanda e dei prezzi, con buona tenuta per i prodotti di qualitÃÆ’ e pregio di aree urbane e ben servite, a fronte di flessioni che invece si manifestano per gli immobili di minor pregio ubicati in zone periferiche.

Mercato Selettivo

In tempi di crisi il mercato umbro ÃÆ’¨ diventato piÃÆ’¹ selettivo, con una domanda che resta buona, ma che fa fatica – e questo ÃÆ’¨ un problema serissimo come se non bastasse il credit crunch rende difficile trovare una sponda di assistenza sul fronte del credito da parte delle banche.

Il segnale, sebbene timido, colto dallo studio di Tecnocasa, lascia comunque buone speranze anche per queste tipologie di immobili per i prossimi mesi, anche se ovviamente non indica la possibilitÃÆ’ di uscire dalla crisi. BisognerÃÆ’ cercare di capire se questo accenno di ripresa non sia stato viziato dalle iniziative di sostegno pubblico.

La Regione UMBRIA aiuta la Compravendita

Un ruolo molto importante, secondo lo stesso assessorato regionale alle politiche della casa, lo hanno senz’altro svolto le iniziative poste in campo dalla Regione Umbria per acquistare la prima casa. Al fine di rispondere le esigenze abitative espresse da varie categorie sociali infatti, la Giunta regionale ha adottato, dal 2011 al 2013, quattro diversi bandi con i quali sono stati assegnati contributi per acquistare la prima casa.

Nella formazione della graduatoria, cosÃÆ’¬ come previsto dal bando, sono stati impiegati i seguenti criteri di prioritÃÆ’ nell'assegnazione dei contributi , si sono visti agevolati (aiutati) :

In totale la Regione ha impegnato circa 7 milioni di euro e le domande valide ammesse a contributo sono state 257, rispetto alle 430 pervenute. E’ stato poi previsto che 32 milioni e 250 mila euro fossero destinati all’acquisto della prima casa.

Dal lato dell’accesso ai mutui, invece, nel 2013 c’ÃÆ’¨ stata una vera e propria impennata di contratti: 93 famiglie sono ricorse alla convenzione tra Regione, Gepafin e banche per un totale di circa 7 milioni e 500 mila euro. Tali dati, peraltro, stando alla Regione, incoraggiano a seguire il percorso intrapreso, con la certa consapevolezza che l’attenuazione del disagio abitativo rimarrÃÆ’ una prioritÃÆ’ per la giunta regionale Umbra.

In conclusione, il mercato immobiliare Umbro si dimostra in forte ascesa, il considerevole aumento delle compravendite nel 2016 può essere dovuto anche dall'andamento dei prezzi per gli immobili in vendita. In Umbria il prezzo per un metro quadro è di circa 1.327 €, a fronte dei 1.385 € del 2015, un ribasso del 4,2% su base annua che può essere la cartina tornasole dell' aumento di compravendite nella regione.


Il Fisco indaga sugli immobili all'’estero