Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Acquista visibilità editando contenuti!
(Agg. 10 Settembre 2020),

Il settore immobiliare in Germania non cresce

La crisi del settore immobiliare che sta caratterizzando il nostro paese non sembra avere alcun timore dei confini, e pur essendoci una situazione, quantomeno ancora positiva, essa sembra aver colpito anche i parametri tedeschi, in materia di nuove costruzioni. Infatti, i dati parlano in modo abbastanza chiaro. Il 2011 aveva visto la registrazione di un incremento sulle nuove costruzioni pari al 12,5%, una buona percentuale. In un anno, però, le cose sono abbastanza cambiate ed il parametro degno di nota è stato riportato a livelli molto vicini allo zero. Infatti, il 2012 si è concluso con il +0,4%. Il mercato è rimasto lì, senza crescere in alcun modo. Non vi è stata recessione, ma il confronto è di ben 12,1 punti. Non è poco. Quindi, un rallentamento di cui andrebbero ricercate le ragioni, tuttavia, sembra non aver preoccupato troppo la patria tedesca. Infatti, i portavoce dell’associazione allemanna, equivalente all’Ance italiana, hanno parlato comunque di cifre che non desterebbero alcun sospetto o timore. Il fatturato del 2012 sarebbe inferiore di soli 94 miliardi di euro. Il settore potrebbe aver subito un rallentamento, secondo questi ultimi, non a causa della crisi, bensì del maltempo. A dicembre, infatti, gli ordini sono diminuiti del 6,6% ed il fatturato del 10%. Va osservato, quindi che nonostante i dati in calo, il settore edile abbia contribuito all’economia tedesca 2012. Le commesse svolte hanno prodotto una crescita dell’occupazione pari a 11.000 posti di lavoro. L’incremento riguarda l’ambito residenziale, per questo si stima una crescita degli ordini e del fatturato per il 2013, pari almeno al 2%. La Germania è una nazione molto forte economicamente, sicuramente in poco tempo riuscirà a tornare ai livelli pre-crisi


Il problema odierno dei permessi per costruire