Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Acquista visibilità editando contenuti!
,

Immobiliare, tutte le novità dei bonus casa della legge di Bilancio

La legge di Bilancio attualmente in discussione in sede parlamentare apporta interessanti novità alle detrazioni Irpef relative ai bonus casa. Non si tratta di "innovazioni" vere e proprie, bensì di proroghe (nella maggior parte dei casi) di iniziative già in vigore nel corso degli ultimi esercizi, e che vengono ora ulteriormente prolungate nell'esercizio o negli esercizi successivi.

Introdotto ciò, cerchiamo di comprendere che cosa avverrà in materia di bonus casa nei prossimi mesi a partire dal beneficio legato alle ristrutturazioni edilizie: il governo ha previsto ancora una volta la proroga del benefit del 50% legato alle ristrutturazioni, con proroga dei termini



di un anno. Ne deriva che, in seguito a tale novità, il termine ultimo per poter beneficiare di tale agevolazione è oggi pari al 31 dicembre 2017 per quanto concerne le singole unità immobiliari e al 31 dicembre 2021 per quanto invece concerne i condomini.

Proroga in vista anche per il c.d. "ecobonus" al 65%: i termini di fruizione vengono infatti fatti slittare per un anno sulle singole unità immobiliari e per cinque anni per quanto concerne invece i condomini (con percentuale di beneficio, in termini di detrazione Irpef, che sale ino al 75% per interventi sull'involucro dell'edificio). Pertanto, i nuovi termini di scadenza sono fissati nel 31 dicembre 2017 per le singole unità e al 31 dicembre 2021 per i condomini.

Ancora, proroga di un anno per quanto concerne la misura del 65% di detrazione ai fini antisismici, con estensione agli immobili in zona sismica 3 e maggiorate fino all'85% per quanto concerne il miglioramento della sicurezza statica. Il recupero avverrà su 5 annualità. I nuovi termini sono dunque fissati nel 31 dicembre 2021.

Infine, sempre in materia di detrazioni Irpef sui buoni casa, proroga di un anno della detrazione del 50% su 10 mila euro per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici. I lavori non dovranno comunque essere stati avviati prima del 2015.

Attualmente, non sembrano esservi dei "pericoli" di modifica (in peggio) delle intuizioni di cui sopra, che a parte qualche lieve ritocco eventuale, sembrano essere delle caratteristiche già note, con proroga di un anno. Vedremo, comunque, se nei prossimi giorni interverranno delle novità in merito, e in che modo riusciranno a variare l'attuale quadro di riferimento delle agevolazioni legate alla gestione dell'unità immobiliare o del condominio.


Ecobonus e Detrazioni Ristrutturazioni