Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Acquista visibilità editando contenuti!
(Agg. 30 Ottobre 2020),

Installare fotovoltaico in condominio: conviene o no?

Perché è conveniente installare fotovoltaico in condominio? Stiamo vivendo un periodo molto preoccupante dal punto di vista sanitario ma stiamo anche riuscendo a creare un sentimento positivo nei confronti dell’ambiente soprattutto in ambito domestico. Abbiamo visto che nel corso degli ultimi due anni sono stati creati una serie di interventi legislativi per favorire la riconversione domestica in un’ottica green. Aiutare l’ambiente in effetti non solo ci fa vivere meglio ma riesce anche a produrre dei risparmi sulla bolletta molto importanti. La scelta è ormai quasi obbligata ma non è molto difficile perché abbiamo già a portata di mano tutte le strumentazioni che possono aiutarci in questa operazione. In primo luogo ci sono le lampadine a led che riescono ad offrire non solo un importante risparmio energetico ma anche una maggiore resistenza. Vi sono inoltre le varie opzioni che la domotica ci mette a disposizione per rendere la nostra casa molto più intelligente. Ritornando all’impianto fotovoltaico è necessario ricordare che se lo si decide di installarlo in condominio è necessario fare in modo che non vi siano dei problemi durante l’installazione tenendo comunque presente che non sempre è possibile creare realmente ciò che si vuole perché ogni condominio è una realtà a sécercare di stante. Vi possono essere, per esempio, degli attriti con altri condomini oppure delle regole che ci obbligano a chiedere il permesso ad altri individui fino ad arrivare a rinunciare all’operazione. La cosa che rincuora è che comunque questa operazione è ampiamente protetta da una serie di leggi create per poter agire in sicurezza ma la cosa interessante sta nel fatto che riescono ad essere abbastanza flessibili in modo da lasciare ai proprietari di casa una buon margine per agire. Il tetto condominiale è una di quelle aree che sono di pertinenza di tutti i condomini quindi è interessante conoscere quali sono gli adempimenti che devono essere seguiti per non rischiare di ritrovarsi in problemi.

Installare fotovoltaico in condominio: quando e com'è possibile?

Potrebbe sembrare strano ma anche chi non possiede l'uso esclusivo del tetto o del lastricato solare riuscendo perché grazie alla riforma condominiale ha permesso ai condomini di installare gli impianti fotovoltaici in tutti gli spazi condominiali in comune, naturalmente è necessario operare in modo da non creare problemi agli altri condomini. La riforma condominiale è davvero molto particolare perché permette di fatto l'installazione di questi prodotti per uso personale non compartano la richiesta ed il rilascio di alcun tipo di autorizzazione in qualsiasi parte delle aree condominiali. E' necessario però recapitare all'amministratore del condominio. Ciò è possibile solo ed esclusivamente nel caso in cui l'installazione dei fotovoltaici non comporti dei cambiamenti alla struttura del condominio, lo stesso discorso dev'essere effettuato nel caso in cui le modifiche sono minime. Naturalmente il discorso cambia se l'installazione dei pannelli comporta delle sostanziali modifiche alla struttura del condominio. In questo caso vi sono delle pratiche che devono essere prese in considerazione perché oltre all'installazione dovranno essere creati dei veri e propri lavori alla struttura dell'edificio. E' infatti importante tenere presente che in questo caso si deve produrre una serie di documentazione atta a garantire che i lavori non inficeranno in nessun caso alla stabilità strutturale. Il condomino dovrà prima di tutto avvisare l’amministratore al quale dovrà essere spiegato, anche grazie ad un’informativa tecnica, quali saranno i lavori da svolgere e come questi verranno portati a compimento. Sarà quindi cura dell'amministratore convocare l'assemblea, naturalmente prima dell'inizio dei lavori, durante la quale tutti i condomini potranno accettare o respingere la proposta oppure in alternativa proporre altri modi per realizzare il progetto. Durante l'assemblea condominiale potrebber essere sollevate problematiche inerenti la stabilità dell'edificio. Comunque normalmente l'assemblea potrebbe non essere in grado di impedire la costruzione dei pannelli fotovoltaici. Solo se vi fossero dei problemi seri alla stabilità il progetto potrebbe non vedere mai la luce.

La comunicazione al condominio per l'installazione dell'impianto

Abbiamo in precedenza accennato alla comunicazione al condominio che potrebbe rappresentare un vero e proprio scoglio al desiderio di installare i pannelli fotovoltaici ma andiamo ad analizzare meglio soprattutto perché è necessario andare a determinare quali sono le cause che possono creare dei problemi al progetto. Questa dev'essere redatta in modo da contenere tutti gli elementi che riguardano la modalità di esecuzione dei lavori. Nello specifico si vanno ad inserire tutti gli elementi del condominio che verranno modificati. Questa operazione è ancor più importante se le modifiche dovessero essere importanti dovranno essere prontamente comunicate all'amministratore. Vediamo nella comunicazione dovranno essere presenti i seguenti elementi:

E se l'assemblea si dovesse opporre ad installare fotovoltaico in condominio?

E' abbastanza raro che l'assemblea si opponga ad un progetto creato con tutti i crismi ma purtroppo c'è questa antipatica eventualità anche se è ormai assodato che, in base al nuovo statuto dei condomini, non ha il potere di bloccare l'operazione. Questo organo di controllo ha però delle prerogative che può esercitare, scopriamole una per una:

Al netto di queste particolari prerogative è possibile sempre che venga adoperato il codice civile nei casi più limite dove ovvero viene leso il diritto dei condomini di vivere in piena libertà gli spazi comuni.

Come si può risolvere il problema dell'accesso del condomino?

Questo è uno di quei casi in cui un condomino ha tutti i diritti di accedere a tutti i luoghi per entrare negli spazi condominiali dove verranno installati i pannelli fotovoltaici anche se è necessario notare che questo diritto decade una volta che si trova un modo differente per accedere all'area comune e comunque si dovrà fornire agli altri condomini l'orario nel quale sarà necessario il passaggio.


Assemblea condominiale: convocazione