Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Acquista visibilità editando contenuti!
(Agg. 10 Settembre 2020),

Mercato immobiliare pugliese: dove sta andando questa regione?

Il mercato immobiliare pugliese rappresenta una grande opportunità per ottenere degli interessanti guadagni estivi e non solo tramite gli affitti brevi. Stiamo vivendo un periodo molto complicato a causa della pandemia da coronavirus ed oltre ai vari problemi che sta creando al tessuto civile anche quello economico sta avendo dei problemi abbastanza seri mettendo a repentaglio varie attività economiche. Stiamo però vedendo uno spiraglio che squarcia il buio della quarantena sperando naturalmente che la situazione continui a migliorare. Il problema di questo particolare periodo è che il turismo è abbastanza complicato perché è imperativo riuscire a mantenere la distanza di sicurezza in modo da non rischiare a contaggiare o farsi contaggiare. La Puglia ha una serie di interessanti punti di forza che si prestano molto bene per creare un interessante flusso di entrate soprattutto nel periodo estivo. Essendo una regione con un'ampia area costiera per lo più incontaminata in aggiunta con una serie di città e luoghi d'interesse riesce ad esercitare una grande attrattiva di turisti già dal mese di aprile, tenendo presente che il clima, soprattutto nel Salento, è decisamente mite. La Puglia è una regione particolare perché ogni provincia ha caratteristiche ben precise che vanno ad essere anche molto differenti una con l'altra. Ciò è possibile per il fatto che questa regione è decisamente lunga ed ogni provincia ha sviluppato culture molto differenti cosa che naturalmente si ripercuote sulla cultura e sui monumenti presenti sul territorio.

Il mercato immobiliare pugliese sta vivendo, al pari di molti altri, di un periodo non particolarmente florido

Nelle nostre analisi abbiamo dovuto constatare che l'andamento del mercato immobiliare italiano non sta vivendo un momento molto florido, aveva delle fragilità prima della pandemia e successivamente le cose hanno visto un declino quasi a picco, e naturalmente quello pugliese non ha fatto eccezione. La cosa interessante però è che il valore di questo mercato ha perso solo 1.1 punti percentuali nel periodo di tempo nel corso di tempo Aprile 2019 - Aprile 2020 attestandosi sui 1318 euro per metro quadro dai 1333 dello stesso periodo dell'anno passato. E' comunque sto marzo 2015 il periodo di maggiore incremento del valore qundo il costo a metro quadro arrivò a sfiorare i 1500 euro. Nel novembre del 2019 si è invece avuto il calo maggiore scendendo fino a 1315 euro per mq. Naturalmente si parla di una media perché, come andremo a vedere più in là, il valore può cambiare molto anche tra città e città. Il mercato immobiliare degli affitti ha quindi ottenuto una buona tenuta andando ad ottenere una serie di aumenti in quasi tutte le città maggiori. Naturalmente andremo a vedere provincia per provincia quali sono i luoghi che possono essere quelli che possono essere maggiormente indicati per il turismo.

Vediamo le province e quali sono i luoghi maggiormente interessanti per gli affitti brevi

Come accennato in precedenza, in Puglia vi sono province anche molto differenti tra loro che quindi possono offrire delle caratteristiche ben precise e particolari. Anche per questo motivo il mercato immobiliare pugliese differisce molto da quello delle altre regioni riuscendo ad ottenere dei risultati dal punto di vista turistico. Vediamo quindi nello specifico delle provincie:

provincia di Foggia: in questo spicchio d'Italia sono le zone costiere ad essere quelle con un incremento maggiore nello specifico i comuni di Manfredonia, Peschici, Vieste ed Ishitella. In queste città l'andamento del mercato ha raggiunto la quotazione per metro quadro che varia dai 1490 ed i 1550 euro;

provincia di BAT: questa è una provincia abbastanza nuova ed è nata con l'unione di Barletta, Andria,Trani, Spinazzola, Bisceglie ed altri comuni minori. Queste sono tre città abbastanza importanti non solo come grandezza ma anche per i monumenti che vi sono. Anche in questo caso le due città costiere, Trani e Bisceglie, e Spinazzola nell'entroterra;

provincia di Bari: si parla di una tra le provincie più grandi del meridione quindi è normale che vi siano una serie di interessanti opportunità per chi vuole investire. In primo luogo Bari anche se è necessario ricordare che non tutti i quartieri hanno il medesimo valore quindi è conveniente andare a controllare bene i quartieri in modo tale da non avere pessime sorprese. Della stessa provincia ci sono Noicattaro, Terlizzi, Monopoli, Polignano a Mare ed Alberobello;

provincia di Brindisi: in questo caso è la zona costiera nord quasi come una sorta di ideale continuazione con Bari e nello specifico sono Fasano, Ostuni e Carovigno;

provincia di Taranto: non è molto apprezzato e valutato. Si salvano a metà solo Maruggio e Castellaneta;

provincia di Lecce: il Salento è ormai da molti anni una zona molto rinomata per il turismo ma sono Otranto, Castro, Santa Cesarea Terme e Gallipoli i comuni con quotazioni molto elevate.


Mercato immobiliare lucano: come sta andando il Texas d'Italia?