Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Acquista visibilità editando contenuti!
(Agg. 10 Settembre 2020),

Mercato immobiliare toscano: stasi in leggero ribasso

Il mercato immobiliare toscano è uno tra i più prolifici in Italia e nel mondo essendo questa regione in grado di attirare turismo ed acquirenti di tutti i tipi partendo da coloro che vogliono acquistare una seconda casa fino ai VIP che normalmente vogliono apprezzare la calma e la bellezza dei colli interni. Questa regione dell'Italia centrale è molto grande e riesce ad offrire tre differenti ambienti: le colline, le montagne ed il mare. Ciò naturalmente va a favorirla dal punto di vista del turismo ma ciò che la rende differente davvero dagli altri sono le varie città d'arte che ogni anno riescono ad attirare milioni di turisti. Purtroppo quest'anno si è aperto nel peggiore dei modi possibili a causa dell'emergenza Covid19 ma nonostante tutto sembrerebbe, almeno per il primo trimestre, che il mercato immobiliare regionale sia riuscito a tenere riuscendo a non perdere troppo terreno. Come vedremo tra poco, non tutte le città sono andate allo stesso modo quindi alcune sono riuscite ad ottenere una crescita del valore mentre altre molto meno o addirittura ne hanno perso. Come spesso accade quando si fanno le analisi del mercato immobiliare regionale, non è possibile determinare un andamento unico ma si deve creare una media in modo che si possa avere un quadro generale della situazione per poi analizzare le vendite e l'affitto in particolare per tutte le maggiori città di questa regione. Il maggiore incremento lo si è avuto nelle città d'arte aiutando a mantenere a galla tutto il settore.

Quali sono le città che hanno ottenuto l'incremento maggiore nel mercato immobiliare toscano?

Sebbene non si è avuto un grande aumento generale del mercato toscano nell'intervallo tra gennaio e marzo di quest'anno ci sono state alcune città che nonostante tutte le difficoltà del periodo sono riuscite ad ottenere un incremento, seppure non molto elevato. Ciò è accaduto, non a caso, in alcune tra le città artistiche più importanti al mondo. A marzo di quest'anno il prezzo a mq in media ci volevano 2447 euro valutazione che è rimasta sostanzialmente invariata, un aumento di soli 0.3 punti, rispetto a dicembre dell'anno scorso. E' chiaro che le differenze tra le città è molto elevata quindi alcune potrebbero essere abbastanza elevate. E' sempre bene partire dalle buone notizie perché così sarà più facile poi passare a quelle non particolarmente positive. In primo luogo si deve notare come Firenze sia riuscita ad ottenere un buon incremento con un incremento di poco più di un punto percentuale riconfermandosi come la città più cara della Toscana ed una tra le più care d'Italia con una media di quasi quattromila euro a mq. Se Firenze è andata abbastanza bene la stessa cosa non si può dire per Massa e Carrara che hanno perso rispettivamente 0.5 e 0.9%. Molto male sono invece andate le città di Pistoia con 1.4% ma soprattutto Siena con una perdita dell'1.6%. Discorso differente invece per la provincia di queste città che sta ottenendo un risultato abbastanza differente con un andamento altalenante che comunque va a creare la media di cui si è parlato in precedenza. Arezzo si conferma come la città più abbordabile in assoluto tenendo presente che normalmente un appartamento in questa città toscana costa in media 1690 euro per mq. Questi dati portano a pensare che vi dovrebbero essere ancora importanti margini di miglioramento per molte città di questa regione anche se ancora non sono usciti quelli de secondo trimestre che potrebbero nascondere delle pessime sorprese.

Il mercato delle vendite non è andato particolarmente bene ma com'è andato quello degli affitti?

E' necessario comprendere che il mercato degli affitti è strettamente legato con quello delle vendite perché non di rado si acquista una casa per metterla a frutto e ciò significa affittarli. Quindi se non si riesce ad affittarli per una cifra sufficiente si rischia di andare in perdita anche a causa delle tasse ed ai vari problemi di ristrutturazione che possono essere essere necessarie e che necessitano di non poco denaro. Non ci sono stati in questo settore particolari cambiamenti con un ribasso dello 0.1% quindi si può affittare un appartamento in questa regione con 10,68 euro a mq. Se Carrara non ha brillato per i prezzi di vendita delle case ha ottenuto un ottimo incremento che va a superare i tre punti percentuali. In sostanza tutta la regione ha ottenuto dei risultati abbastanza interessanti anche se non particolarmente importanti.


Mercato immobiliare campano: ottime prestazioni per il capoluogo