Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Ottieni visibilità editando contenuti!
, Redazione

Ancora Confiac su tariffe degli amministratori di condominio

Così parla Paolo Caprasecca, presidente di Confiac (Confederazione Italiana delle associazioni condominiali) circal'istruttoria aperta dall'Antitrust per verificare se la fissazione di tariffe minime proposta da Confiac e le disposizioni del codice etico e deontologico possano inficiare la concorrenza.

Il presidente invita a riflettere sui seguenti interrogativi:“Cosa succederebbe se i medici non avessero bisogno della laurea per operare o chi conduce gli autobus della patente per portare in giro le scolaresche?”. Dunque, un tariffario minimo per gli amministratori di condominio limita davvero la concorrenza? O è la condizione per la nascita di una categoria professionale riconosciuta con regole certe e standard di qualità che garantiscono la competenza e legalità fiscale dell'attività amministrativa favorendo il consumatore?

Il mestiere si avvicina sempre più a quello del manager, necessita di competenze legali, amministrative e tecniche. Bisogna muoversi tra contratti d'affitto, manutenzione, allacciamenti alle forniture, dividere i costi e gestire complessivamente budget che, in molti casi, possono assumere dimensioni significative.

Un tariffario di orientamento sarebbe“un passo essenziale nel costruire una categoria responsabile, legalmente e lavorativamente riconosciuta peraltro come da contratti di lavoro degli studi professionali, il cui fine principale sia la tutela consumatori e la corretta amministrazione di uno dei beni più preziosi degli italiani: la propria casa”.

Caprasecca sostiene che bisogna mirare sulla formazione. Di fatti, Confiac mantiene costante il rapporto tra percorsi formativi e professionalizzanti per le associazioni di categoria.

C’è un dialogo costante con questi ultimi, proprio per garantire informazione e soddisfazione ai consumatori.

La ricerca della qualità è destinata a realizzare “istituti di garanzia a tutela dei consumatori, tra le parti e strumenti idonei di garanzia per lo sviluppo delle competenze dell'amministratore immobiliare e la certificazione delle stesse degli iscritti alle organizzazioni per la richiesta del compenso dell'Amministratore Professionista”.

In conclusione, i quesiti posti dal Presidente di Confiac sulle potenzialità della tariffa minima per gli amministratori di condominio come leva per la creazione di una categoria professionale riconosciuta è destinata ad alimentare ulteriormente il dibattito.

Logo di Confiac

Antitrust e tariffario minimo per amministratori condominio


Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito