Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Ottieni visibilità editando contenuti!
, Lucia Franco

Bonus condomini 2018: DOVE INVESTIRE E PERCHE'

Il bonus condomini 2018, è la possibilità prevista dalla nuova Legge di Bilancio 2018, di poter fruire di una detrazione fiscale, ossia, uno sconto IRPEF consistente, per quei condomini che effettuano interventi di risparmio energetico e/o di adeguamento antisismico e di ristrutturazione.

I vantaggi fiscali per i condomini sono essenzialmente tre.

  1. Per usufruire della detrazione per la riqualificazione energetica ci sono ben 4 anni, ovvero fino al 31 dicembre 2021;
  2. Per quanto riguarda la sostituzione degli impianti di climatizzazione con caldaie e condensazione che non siano almeno di classe A, i generatori a biomasse, le schermature solari e l’installazione di infissi, si può detrarre al 65% la micro-cogenerazione;
  3. Infine, sono state confermate le detrazioni al 70% e 75% per edifici che conseguano risultati elevati di risparmio energetico con una spesa massima di 40.000 euro per unità immobiliare.

Come ottenere la detrazione massima e ottenere l’approvazione dei lavori in assemblea

Per ottenere il massimo della detrazione innanzitutto è necessario che l’amministratore di condominio proponga in assemblea una diagnosi energetica dell’edificio. Inoltre, per approvare i lavori per l’Ecobonus, occorre, con la diagnosi in mano, la maggioranza dei presenti che rappresenti almeno 1/3 dei millesimi. Chi non vuole fare i lavori, invece, dovrà raccogliere la maggioranza dei presenti, ossia almeno 500 millesimi.

Detrazioni per i lavori sul verde condominiale

Per far sì che vengano approvati i lavori di manutenzione al giardino comune agevolabili con il Bonus Verde 2018 basta la maggioranza dei presenti, vale a dire almeno 1/3⅓ dei millesimi. Così come per i lavori di manutenzione straordinaria per il recupero edilizio e lavori antisismici. Quanto ai lavori di grande entità, è necessaria la maggioranza dei presenti e almeno 500 millesimi. Se, infine, gli interventi sono innovazioni, la maggioranza utile all’approvazione equivale alla metà + 1 dei condòmini, almeno ⅔2/3 dei millesimi.

Ulteriore novità

Infine, c’è una nuova detrazione dell’80% (spesa non superiore a euro 136.000 per il numero delle unità immobiliari di ciascun edificio, ripartita in dieci quote annuali di pari importo) per le misure antisismiche che portino a una riduzione di una classe di rischio, realizzate insieme alla riqualificazione energetica. La Legge di Bilancio 2018 mette a disposizione un fondo di garanzia per sostenere questi tipi di investimenti.

Legge di Bilancio 2018: dove investire e perché?

DETRAZIONI LAVORI FOGNA CONDOMINIALE


Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito