Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Ottieni visibilità editando contenuti!
, Redazione

Divieti e rimedi per le sorgenti sonore delle immissioni acustiche

Le immissioni: l’art 4 del Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 14.11.97 , i divieti e i rimedi in concreto esperibili. Circa le sorgenti sonore specifiche, l’art.4 del Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 14.11.97 che prevede i differenziali di +5db di giorno e +3db di notte solamente per le attività lavorative, bisogna capire se il giudice potrà applicarlo per individuare il “nuovo criterio di tollerabilità”. L’articolo si rivolge al rumore prodotto da attività professionali e lavorative. In questo modo, arriveremmo al risultato sbagliato, in base al quale un rumore potrebbe essere giudicato differentemente a seconda del fatto che provenga da un privato o da un ambiente di lavoro. Potrebbe quindi accadere che eventuali immissioni, poiché provenienti dal proprio vicino sarebbero ritenute dal giudice, non tollerabili. Mentre se le medesime provenissero dal fabbro di turno, lo sarebbero in virtù dell’attività professionale e lavorativa svolta. Il problema è che le ultime sentenze relative a tale materia, non hanno ancora affrontato realmente il problema. Di fatti, hanno lasciato la questione ancora aperta, allargando il dibattito alle sue terga. Ricordiamo, però, che, facendo alcuni esempi, in materia di vicinato: è vietato utilizzare gli strumenti musicali o ascoltare la radio ad alto volume, senza alcun rispetto di fasce orarie e senza predisporre gli accorgimenti più utili ad evitare di disturbare i vicini; eventuali fumi emessi da camini, barbecue, non devono creare disagi per i confinanti. Le attività di ristorazione, inoltre, non devono essere esercitate in modo da recare disagio per esalazioni e rumori. Per quanto concerne i rimedi, due sono le azioni che possono essere poste in essere: l’azione inibitoria per ottenere la cessazione delle immissioni intollerabili; l’azione risarcitoria per ottenere il risarcimento economico del danno subito. Il giudice competente, ai sensi dell’art 7 del c.p.c. è il giudice di pace. La regola della buona convivenza è sempre valida, meglio evitare di creare problemi ai vicini, si evitano un sacco di guai.
sorgenti sonore

Immissioni acustiche: qual è la normativa di riferimento


Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito