Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Ottieni visibilità editando contenuti!
, Redazione

La validità dell’assemblea condominiale

L’assemblea condominiale è validamente costituita in prima convocazione quando intervengono almeno due terzi dei condòmini: questi devono rappresentare almeno i due terzi del valore dell'edificio. Le deliberazioni sono valide quando sono approvate con un numero di voti che deve rappresentare la maggioranza degli intervenuti e almeno circa la metà del valore dell'edificio. Se durante la prima convocazione, non viene raggiunto il numero legale, l'assemblea deve riunirsi in seconda convocazione nel giorno successivo a quello della prima, o comunque, dice la legge, entro e non oltre il decimo giorno. Per quanto riguarda la seconda convocazione, va ricordato che risulta valida la delibera che ha riportato un numero di voti favorevoli, tali da rappresentare circa un terzo dei partecipanti al condominio e un terzo del valore dell'edificio. Ci sono delle delibere che però rappresentano un’eccezione. Andiamole a vedere, riprendendole espressamente dal dettato normativo. Le delibere relative alle modifiche e/o integrazioni del regolamento di condominio, l'alienazione di parti comuni del condominio, la modifica delle tabelle millesimali e quelle delibere che toccano direttamente ed in qualsiasi modo la disponibilità all'uso delle parti esclusive dei singoli condòmini, devono essere approvate con l'unanimità dei condòmini che rappresentano la totalità del valore millesimale dell'edificio. Le delibere che concernono la nomina, la revoca o la riconferma dell'amministratore, le liti giudiziarie che esorbitano dalle attribuzioni dell'amministratore, la ricostruzione dell'edificio e le riparazioni straordinarie di grande entità, devono essere approvate con la maggioranza degli intervenuti che rappresentino almeno la metà del valore dell'edificio. Le delibere che riguardano le innovazioni per ottenere un più comodo o un miglior rendimento delle cose e/o impianti comuni e la costruzione di nuovi impianti e/o servizi comuni, che devono essere approvate con la maggioranza dei condòmini che rappresentano almeno i due terzi del valore dell'edificio, salvo il disposto di leggi speciali. Tutte le delibere su argomenti per i quali leggi speciali dispongono maggioranze diverse da quelle sopraelencate. Se anche voi abitate in un condominio ora sapere qualcosa di più al riguardo.
delibere

Assemblea condominiale: convocazione


Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito