Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Ottieni visibilità editando contenuti!
, Roberto

Mutui casa, cresce la quota degli stranieri

In Italia continua a crescere la quota di stranieri che sceglie di recarsi in banca per poter acquistare un mutuo per la casa. Non solo: curiosamente, la statistica legata ai tempi medi di erogazione di un finanziamento, condotta da Facile.it e Mutui.it, ha segnalato che l’ottenimento di un mutuo casa da parte di un cittadino straniero impiegherebbe meno tempo rispetto all’iter istruttorio che riguarda un cittadino italiano (probabilmente anche a causa dei più elevati importi medi che gli italiani che si indebitano hanno l’abitudine di domandare, rispetto ai cittadini stranieri).

Di fatti, l’osservazione compiuta rileva che se per un italiano i tempi medi per poter concludere un acquisto con un mutuo prima casa sono pari a 134 giorni, il valore si abbassa a 117 giorni se chi richiede il mutuo ha nazionalità di uno Stato europeo non aderente all’area della moneta unica o non facente parte all’Unione Europea, e a 104 giorni se invece la nazionalità è extra europea.

Come anticipato, le motivazioni che generano una simile divergenza sono notevoli e ben condivisibili. Oltre al fatto che le cifre richieste sono differenti (in media un italiano si indebita per 130 mila euro, un europeo non comunitario per 107 mila euro e un extra europeo per 102 mila euro) è altresì facilmente sperimentabile che – sottolinea Facile.it – il dato deve essere valutato alla luce delle differenze culturali, considerato che “un cittadino straniero che sceglie di acquistare casa in Italia tenderà a rivolgersi all’Istituto di credito solo dopo aver effettivamente individuato l’immobile e questo, come abbiamo visto, riduce notevolmente i tempi”.

Commenta le analisi suddette anche Ivano Cresto, responsabile mutui di Facile.it, secondo cui come avvenuto negli anni precedenti alla crisi economica del 2007 “la ripresa del mercato passa anche dall’acquisto di immobili da parte di cittadini stranieri. I loro acquisti consentono un miglioramento abitativo ai precedenti proprietari e ciò innesca un meccanismo positivo di cui tutti beneficiano. Sarà curioso vedere, fra qualche tempo, se l’effetto della Brexit spingerà i sudditi della Regina Elisabetta ad acquistare casa all’estero, magari in Italia, nazione dove storicamente amano investire”.

mutui

Calano i tempi medi dell?erogazione di un mutuo in Italia


Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito