Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Ottieni visibilità editando contenuti!
, Redazione

Mutuo liquidità: sostituire l’immobile alla busta paga

La busta paga è la garanzia tradizionale richiesta per la concessione di un mutuo: non sempre però questa è di fatto sufficiente a far ottenere al cliente la cifra richiesta all’ente erogatore. In ogni caso poi gli interessi per il finanziamento relativi ad un prestito garantito appunto attraverso questo documento sono mediamente alti. Il mutuo liquidità è un’alternativa riservata ai proprietari immobiliari: si tratta di una via semplice e più economica per quanto attiene ai tassi di interesse applicati. In sostanza si tratta di ottenere un finanziamento ponendo come garanzia l’immobile di proprietà. E’ il tipo di mutuo che il gruppo Unicredit propone come ‘Nuovo Mutuo Costante’. Il nome mutuo liquidità deriva invece proprio dalla possibilità che questa formula offre di trasformare in contanti liquidi il valore dell’immobile all’occorrenza. Accedendo l’ipoteca sulla casa è possibile accedere a prestiti per importi elevati: la durata dell’ammortamento va, secondo le esigenze, da cinque a venti anni. Solitamente si arriva fino ad un prestito massimo di 80 mila euro, da rimborsare a cadenza mensile, con tasso fisso o variabile. E’ importante però riflettere in via preventiva sull’effettiva possibilità di far fronte alle scadenze del prestito per evitare, con l’accumulo di ritardi, il pignoramento del bene immobile. Prima di acquistare un immobile tramite il mutuo è importante fare dei calcoli a lungo medio termine.
mutuo

Prestiti per cattivi pagatori: qual è la scelta?


Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito