Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Acquista visibilità editando contenuti!
(Agg. 08 Gennaio 2021),

Locazioni, le richieste sono destinate ad aumentare

Il trend delle locazioni dovrebbe rafforzarsi nel corso dei prossimi anni. A sancirlo è l’osservatorio di Immobiliare.it e Mioaffitto.it, che affermando che nel nostro Paese tre famiglie su quattro (il 77,4%) sono proprietarie della casa in cui vivono, ha poi indicato come tale tendenza sia destinata a mutare nel prossimo futuro a breve termine.

Per averne un’anteprima può essere utile dare uno sguardo alla consolidata crescita del mercato delle locazioni, tanto che in un solo anno la domanda è aumentata del 2,9% e ha risposto un incremento dell’offerta pari all’1,6%. Un maggiore dinamismo che ha prodotto altresì un incremento dei canoni di locazione, che sono cresciuti dell’1,3% su base annua. In termini assoluti, oggi il canone medio mensile per l’affitto di un bilocale è di 579,6 euro, anche se la media non può che celare prestazioni evidentemente molto diverse nella penisola, con regioni come Lazio, Lombardia, Toscana e Valle d’Aosta si registrano costi ben più alti (il top si raggiunge nel Lazio, dove l’influenza di Roma porta il canone a una media di 751,2 euro al mese).

Su fronte cittadino, l’elenco delle dieci città che si confermano essere quelle più care del Paese in cui affittare casa è rimasto praticamente invariato, con la sola eccezione di Napoli: il capoluogo campano esce di scena, facendo invece spazio a Verona. Non mancano invece i sorpassi: Milano supera ad esempio Venezia e Firenze, diventando così la città più cara in assoluto. Qui la domanda di affitti è aumentata di oltre il 4% nell’ultimo anno, con l’affitto di un monolocale che costa mediamente 700 euro al mese (17,5 euro/mq). Al secondo posto si trova Firenze, con un costo medio di 613 euro per un monolocale e una domanda aumentata del 3,3%. Al terzo posto Venezia, a pari merito con Roma, con un canone mensile medio per un monolocale di circa 540 euro.

Così Carlo Giordano, amministratore delegato di Immobiliare.it:

Gli italiani hanno sempre dato un grande valore alla proprietaÌ€ immobiliare, molto piuÌ€ dei cugini europei di Svizzera e Germania, ad esempio, dove circa metaÌ€ della popolazione vive in abitazioni di suo possesso. Un clima di maggior fiducia, tassi di interesse ai minimi storici e un accesso al credito piuÌ€ semplice non potevano di certo far presagire un aumento cosiÌ€ importante per l’interesse verso gli affitti. Eppure dalle grandi cittaÌ€ eÌ€ in corso una rivoluzione: ci stiamo avvicinando timidamente a una mentalitaÌ€ piuÌ€ vicina al Nord Europa.


Comprare casa, ecco dove le operazioni sono più care