Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Acquista visibilità editando contenuti!
(Agg. 10 Settembre 2020),

Previsioni mercato immobiliare, nel Regno Unito si stima calo di quasi

Qualche giorno fa abbiamo parlato di quanto siano nefaste le previsioni del mercato immobiliare italiano. Tuttavia, come è facile immaginare, non è solo il nostro Paese a subire le peggiori ripercussioni di quanto sta avvenendo a causa del nuovo coronavirus e, per averne conferma, è sufficiente dare uno sguardo al dossier curato da Knight Frank sul mercato immobiliare del Regno Unito.

Previsioni mercato immobiliare Regno Unito

Nel dettaglio, la società di consulenza immobiliare globale Knight Frank prevede ora che il mercato immobiliare del Regno Unito diminuirà del 38 per cento nel numero di vendite di case nel 2020, rispetto a quanto effettuato nel 2019, fino a 734.000 transazioni stimate per l'intero esercizio.

Knight Frank prevede inoltre che i prezzi delle case nel Regno Unito scenderanno del 3 per cento nel 2020, mentre i prezzi nel centro di Londra rimarranno invariati dopo un repricing del 25 per cento dal 2014 ad oggi, confermando dunque una buona tenuta. L'azienda prevede comunque una netta ripresa dei prezzi nel 2021 - citando una crescita dell'8 per cento per i prezzi a Londra per il prossimo anno.

Liam Bailey, Global Head of Research di Knight Frank, afferma che “le previsioni economiche sottostanti che abbiamo adottato indicano una contrazione del PIL del 4 per cento nel 2020 e una crescita del 4,5 per cento nel 2021. Il risultato effettivo sarà determinato dai tempi imposti dal blocco”.

Le dichiarazioni di Knight Frank

“Il mercato immobiliare era in una posizione di forza nei mesi di gennaio e febbraio. In tutto il Regno Unito si è registrato un forte aumento delle vendite e della crescita dei prezzi, e anche il principale mercato centrale di Londra ha visto l'inversione di tendenza di un calo dei prezzi durato cinque anni. Mentre ci aspettiamo una ripresa dell'attività, con volumi previsti per il prossimo anno superiori del 18 per cento rispetto al livello del 2019, questa espansione delle vendite nel 2021 non compenserà completamente le perdite di quest'anno. Ciò significa che delle quasi 526.000 vendite che prevediamo di "perdere" a causa del blocco di quest'anno, meno della metà sarà trasportata nel 2021” – dichiara la società.

"Affinché il governo possa vedere una piena ripresa del mercato, con tutte queste vendite "perse" riportate, ci sarà bisogno di incentivi sostanziali per facilitare la liquidità del mercato - compresa una riduzione dell'imposta di bollo" – ha poi aggiunto l’analista.

Le locazioni

Nel mercato degli affitti, considerando l'impatto netto di un ritorno graduale a livelli di attività più normali, Knight Frank ritiene che il numero di affitti concordati nei mercati principali di Londra e delle Home Counties nel 2020 sarà di circa il 25 per cento al di sotto della media quinquennale. A fronte di una crescita dell'1,2 per cento del valore degli affitti nel centro di Londra, e dell'1,1 per cento nella zona periferica di Londra, nell'anno fino a marzo 2020, l'azienda ritiene che i valori degli affitti nella zona centrale e periferica di Londra rimarranno stabili nel corso del 2020, con una certa pressione al rialzo nella seconda metà dell'anno.

Cosa accadrà nei prossimi anni

Bailey afferma inoltre che “una volta superata l'attuale crisi e ripresa l'attività, dobbiamo aspettarci un indebolimento dell'attività economica nella prima metà del 2020, la dislocazione del mercato del lavoro e l'indebolimento del sentimento dei consumatori avranno un impatto sui prezzi, tuttavia il periodo di tempo relativamente limitato della crisi significa che i cali saranno limitati”.

Guardando ai mercati agricoli, e partendo dal presupposto che il mercato dei terreni agricoli tornerà in attività entro l'estate, Knight Frank prevede un calo dei prezzi dei terreni nel 2020 del 2 per cento. Questo movimento porterà il prezzo medio dei terreni agricoli nudi a circa 6.800 sterline.

Bailey conclude infine sottolineando come “vale la pena di notare che è improbabile che Covid-19 sia il principale motore del mercato dei terreni agricoli nei prossimi anni. L'impatto di Brexit in termini di accordo commerciale con l'UE - ritardato o meno - avrà un ruolo chiave, così come i dettagli dei nuovi schemi di pagamento ambientale del governo. Sorprendentemente, l'attuale crisi potrebbe sostenere indirettamente il mercato fondiario se gli investitori si orienteranno verso beni più tangibili e se si darà maggiore enfasi al miglioramento della sicurezza alimentare e alla localizzazione delle catene alimentari".


Londra, l'immobiliare continua a risentire dell'impatto di Brexit