Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Ottieni visibilità editando contenuti!
(Agg. 08 Gennaio 2021), Architetto Anna Civita Pieretti

Sismabonus Ecobonus

Tetti di spesa ammissibili nei condomini

Con la circolare 7/E/2018,

l’Agenzia delle Entrate, (circolare), ha fornito una guida alla dichiarazione dei redditi riguardante il Condominio, e come calcolare i limiti di spesa per Sismabonus e Ecobonus.

I tetti di spesa in condominio, per la detrazioni fiscali, relativi agli interventi di adeguamento o miglioramento antisismico si calcolano su il totale delle spese non superiore a 96mila euro moltiplicato per ciascuna delle unità immobiliari.

Mentre, per l’Ecobonus, il tetto di spesa su cui calcolare la detrazione è di 40mila euro sempre moltiplicato per il numero delle unità immobiliari; ossia ciascuna unità immobiliare ha diritto alla detrazione fino ad un tetto massimo di spesa di 40mila euro.

Riguardo le eventuali pertinenze alle unità immobiliari; autonomamente accatastate, il Sismabonus è calcolato su un importo massimo di spesa di 768mila euro (96mila euro x 8 unità), mentre l’Ecobonus su un importo massimo di spesa di 320mila euro (40mila euro x 8 unità). Vale a dire, le pertinenze accatastate autonomamente godono degli stessi tetti di spesa previsti per le unità immobiliari

Quindi, la detrazione , sia per gli interventi di messa in sicurezza antisismica ed efficientamento energetico, effettuati in condominio, viene attribuita ai condòmini in base ai millesimi di proprietà e delle pertinenze o sulla base dei diversi criteri stabiliti dall’assemblea.

Sismabonus e Ecobonus in condominio

Ricordiamo inoltre che in condominio, la detrazione fiscale per gli interventi di adeguamento e miglioramento antisismico ammonta al 75% qualora l’intervento determini il passaggio ad una classe di rischio inferiore e all’85% se l’intervento determina il passaggio a due classi di rischio inferiori.

Per calcolare il miglioramento antisismico generato da un intervento di messa in sicurezza è necessario basarsi sulle Linee guida per la classificazione sismica degli edifici (DM 28 febbraio 2017) , strumento attuativo del Sismabonus .

Mentre per l’Ecobonus, rammentiamo che i lavori di efficientamento energetico nei condomìni danno diritto ad una detrazione del 70% , nel caso che i lavori interessino almeno il 25% dell’involucro e del 75% se con l’intervento di miglioramento della prestazione energetica invernale ed estiva si consegue almeno la qualità media di cui al DM 26 giugno 2015.

Cedere il credito delle detrazioni

I condòmini beneficiari del Sismabonus possono scegliere di cedere il credito correlativo alla detrazione ai fornitori che hanno effettuato gli interventi o ad altri soggetti privati, cioè: a persone fisiche, anche se esercitano attività di lavoro autonomo o d’impresa, o a società ed enti. Impossibile cederlo a istituti di credito, intermediari finanziari e amministrazioni pubbliche. La cessione deve però riguardare l’intera detrazione in quanto il condòmino non può cedere le rate residue di detrazione.

l’Ecobonus consente invece più alternative. Tutti i condòmini hanno la possibilità di optare per la cessione del credito corrispondente all’Ecobonus ai fornitori che hanno effettuato gli interventi o ad altri soggetti privati, fuorché alle banche o ad altri intermediari finanziari. Mentre i condòmini incapienti (con meno di 8mila euro di reddito nel 2017) possono cedere il credito di imposta corrispondente alla detrazione fiscale per l’efficientamento energetico anche a banche o ad altri intermediari finanziari.

Relativamente ai lavori realizzati nel 2018 è possibile la cessione del credito non solo per gli interventi sulle parti comuni dei condomìni, ma anche per quelli sulle singole unità immobiliari.
La novità è stata prevista dalla Legge di Bilancio 2018.

Compravendite di case antisismiche

Qualora gli interventi per la riduzione del rischio sismico, che danno diritto alle più elevate detrazioni del 70% o dell’80%, siano realizzati da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare, nei comuni che si trovano in zone classificate a rischio sismico 1 (ex Opcm 3519/2016), mediante demolizione e ricostruzione dell’intero edificio, l’acquirente l’immobile nell’edificio ricostruito può usufruire di una detrazione pari, rispettivamente, al 75% o all’85% del prezzo di acquisto della singola unità immobiliare, come riportato nell’atto pubblico di compravendita, sempre entro un ammontare massimo di 96mila euro.

La demolizione e ricostruzione dell’edificio determina anche un aumento volumetrico, a condizione che le norme urbanistiche in vigore ammettano la variazione.

Ulteriore condizione necessaria è che le imprese di costruzione o ristrutturazione provvedano, entro 18 mesi dalla data di conclusione dei lavori, all’ alienazione dell’immobile.

Sismabonus Ecobonus

Ecobonus e Detrazioni Ristrutturazioni

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito