Le case giapponesi non sono costruite per durare ma solo brevi cicli.

Case Giapponesi

In Giappone si dice che una casa duri 30 anni. Poi viene rasa al suolo e ricostruita. Questo concetto di transitorietà sembra essere profondamente radicato nella cultura giapponese: Ise Jingu, il più importante santuario della religione shintoista, il credo nazionale del Giappone, viene demolito e ricostruito esattamente allo stesso modo in un ciclo di 20 anni. Oltre che culturali, ci sono ovvie ragioni naturali con la breve durata delle abitazioni in Giappone: il paese convive con la costante minaccia di terremoti e tsunami e ha mitigato questo rischio – in qualche modo – con una cultura abitativa di case in legno costruite rapidamente ed a basso costo.

I prezzi stabili dei terreni in Giappone stanno lavorando a favore degli investitori

Questo ha portato al valore principale degli immobili che si trovano nella terra. I prezzi dei terreni in Giappone sono stati un quadro di stabilità negli ultimi decenni. Gli edifici stessi, d'altra parte, si stanno lentamente deprezzando negli anni, fino al punto in cui un venditore paga solo il valore del terreno.

Il primo principio degli investimenti immobiliari, "posizione, posizione, posizione", vale tre volte per il Giappone. E con la ripresa economica in corso del Giappone di Abe, non solo i prezzi dei terreni ma anche dei condomini sono aumentati nel centro di Tokyo nell'ultimo decennio. 

È ora di cambiare: strutture più durevoli e ristrutturazioni moderne

 Tuttavia, i tempi stanno cambiando. L'offerta giapponese di nuovi condomini e appartamenti non può tenere il passo con la domanda attuale. Con meno soldi dei loro ricchi genitori del boom, i giovani giapponesi sono alla ricerca di modi per risparmiare denaro. Hanno iniziato a ristrutturare vecchie case giapponesi, allungando la loro vita. Tradizionalmente, questi sono fortemente suddivisi in compartimenti in una serie di stanze minuscole, un layout che non si adatta più alle esigenze dei moderni acquirenti giapponesi. Sempre più società di costruzioni offrono servizi di ristrutturazione per soddisfare questa domanda, come questo esempio di un condominio ad Akasaka che è stato magnificamente ristrutturato da Housing Japan in una residenza di lusso.

Inoltre, la qualità della costruzione, in particolare le prestazioni sismiche degli edifici in Giappone, è notevolmente migliorata. Fino a pochi decenni fa, la via giapponese era quella di arrendersi agli tsunami e ad altri disastri naturali utilizzando materiali da costruzione a basso costo. Al giorno d'oggi, l'ingegneria moderna e l'SRC (calcestruzzo rinforzato con acciaio) hanno reso possibili le bretelle antisismiche e hanno esteso la qualità e la durata degli edifici.

Acquistare immobili di lusso vecchi o nuovi a Tokyo: i criteri più importanti

I primi criteri per gli investitori dovrebbero essere la posizione e il prezzo del terreno.  Il centro di Tokyo è la terra più preziosa del Giappone e mostra una tendenza al rialzo a lungo termine. 

In Giappone, gli edifici più recenti hanno sempre un valore di rivendita migliore, poiché sono visti in modo più favorevole dagli acquirenti giapponesi. Questo li rende un investimento più sicuro rispetto alle proprietà più vecchie. Hanno anche un migliore potenziale di ristrutturazione e hanno maggiori probabilità di resistere alla prova del tempo molto più a lungo dei 30 anni previsti.

Se si desidera acquistare una casa di seconda mano, in genere si consiglia che si tratti di un "edificio Shintaishin Kijyun", il che significa che ha ricevuto il certificato di completamento della costruzione dopo il 1 giugno 1981. Gli edifici certificati dopo questa data soddisfano la più severa resistenza sismica del 1981 standard. Un'altra data da tenere a mente è l'aprile 2000, quando è stata emanata la legge sulla garanzia della qualità degli alloggi (legge sulla qualità dei prodotti) per migliorare la sicurezza degli edifici in legno. Sono stati inoltre introdotti nuovi indicatori che misurano il grado di degrado, facilitando così la valutazione dello stato di conservazione dell'immobile.


Condividi questo articolo:

Articoli simili: