Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Ottieni visibilità editando contenuti!
(Agg. 08 Gennaio 2021), Redazione

Investimenti immobiliari: prospettive italiane ed europee

Si è concluso a Cannes il Mipin che aveva visto la partecipazione di circa 15 mila esperti del settore immobiliare. I dati emersi a seguito dell’incontro sono di un positivo miglioramento del settore immobiliare ma non lasciano ancora presagire un futuro del tutto roseo, almeno per il nostro Paese: stando alle statistiche infatti durante il 2010 i maggiori investimenti di natura immobiliare avranno luogo proprio in Europa, ma solo il 2% di questi ultimi riguarderà direttamente l’Italia. Sul nostro Paese sembra gravare soprattutto la scarsa offerta di immobili di qualità. Il dato confortante emerso dai lunghi dibattiti durante il Mipin è che il capitale di investimento esiste ma evidentemente ancora appaiono dai margini incerti le modalità di investimento dello stesso. Il mercato degli Stati appartenenti all’EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa) possiede quindi i requisiti per una graduale ripresa del settore immobiliare. In particolare secondo le previsioni riportate il 2010 dovrebbe vedere in Europa un aumento oscillante tra il 20 e il 30% rispetto allo’anno precedente per quanto riguarda gli investimenti, soprattutto per gli edifici ad uso ufficio. In un sondaggio effettuato da Cb Richard Ellis tra i Paesi europei che saranno maggiormente avvantaggiati spicca il Regno Unito, grazie soprattutto ai ribassi consistenti e alla trasparenza del mercato stesso. Si spera che nei prossimi mesi gli investimenti nel mercato immobiliare italiano tornino ad aumentare.

investimenti

Immobiliare europeo, Londra traina ancora il segmento corporate

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito