Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Ottieni visibilità editando contenuti!
, Redazione

Le detrazioni previste per i canoni di affitto

L’ordinamento tributario ha previsto delle disposizioni relative ai contratti di locazione e alla possibilità di usufruire di alcune detrazioni per i conduttori. Gli art. 15 e 16 del Tuir interessano conduttori generici, studenti, o contribuenti che destinano l’abitazione ad immobile di residenza. Partiamo dagli studenti universitari fuori sede. In questo caso viene riconosciuta una detrazione pari al 19 % sui canoni di locazione pagati fino ad un ammontare massimo di € 2.633,00. Il contratto può essere anche stipulato dai genitori, tuttavia l’università deve essere distante almeno 100 km rispetto al comune di residenza, oppure deve essere ubicata in un'altra provincia. Il beneficio viene riconosciuto anche agli studenti italiani che seguono corsi di laurea in una università dell’intera Unione Europea. Per quanto riguarda, invece, il conduttore, abbiamo due tipi di agevolazioni in base all’immobile che viene concesso in affitto, ovvero il canone convenzionale o il contratto libero. Nel primo caso, se la famiglia ha un reddito non superiore a 15.493,71 euro annui viene riconosciuta una detrazione pari a 495,80 euro, mentre se il reddito è inferiore a 30.987,41 la detrazione sarà pari a 247,90 euro. Per gli inquilini che hanno stipulato un contratto libero la detrazione è pari a 300 euro per redditi inferiori a € 15.493,71 euro e 150 euro se il reddito non supera i 15.493,71 euro. Nel caso in cui, invece, l’inquilino abbia un’età che è compresa tra i 20 e i 30 anni, i requisiti, oltre all’età, sono l’abitare in una casa diversa da quella che coincide con la residenza dei genitori, la stipulazione di un contratto di affitto ex legge n.431/1998. La detrazione sarà pari a 991,60 euro per i primi tre anni del contratto, nel caso in cui il reddito non superi i 15.493,71 euro. La detrazione, nel caso di compilazione del mod. 730, andrà indicata nel quadro E, sez. V, mentre nel caso di Unico andrà indicato in RP71. In tutti questi casi, se la detrazione non trova capienza nell’imposta lorda potrà dare origine ad un rimborso. State aspettando un rimborso, oppure non sapete se ne avete diritto? Informatevi sempre per tempo.
detrazioni

Leasing prima casa: conviene veramente?


Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito