Mercato immobiliare in Francia ai tempi del Covid

Mercato immobiliare in Francia ai tempi del Covid

"Il mercato immobiliare tra incertezze e attesa"


Firma di atti durante il lockdown, impatto del calo del volume delle vendite, andamento dei prezzi…

il presidente dei Notai francesi, Maître David Ambrosiano, fa il punto e dà consigli pratici a chi ha un progetto immobiliare.

Colloquio.
Il lockdown significa l'arresto del procedimento e degli atti notarili? Quali operazioni possono ancora essere eseguite?
Come avviene la sottoscrizione degli atti e con quali strumenti digitali?
Quali esigenze hanno dovuto fronteggiare principalmente gli uffici notarili dall'inizio della pandemia?
Noti cambiamenti nei progetti immobiliari dei francesi?
Questo secondo isolamento genererà un atteggiamento attendista e porterà a un calo dei prezzi?
Perché dovremmo essere particolarmente attenti in questo momento così speciale?

Gli atti non urgenti sono ovviamente rinviati per limitare il più possibile gli spostamenti dei nostri clienti. Gli appuntamenti di consulenza continuano per telefono o videoconferenza. D'altra parte, tutti gli atti che non possono essere differiti, come le vendite di immobili, possono essere compiuti , sia mediante scambio dematerializzato con deleghe, sia quando questo scambio non è possibile in studio od a condizioni particolari e secondo un rigido protocollo. Anche questo è autorizzato dal decreto del 29 ottobre 2020 .

Ciò garantisce la continuità aziendale per tutti i francesi. Un gran numero di nostri concittadini non dispone di una connessione Internet di qualità sufficiente e una tecnologia sempre più complessa spegne un numero significativo di nostri clienti che non hanno necessariamente gli strumenti necessari.

Nel contesto attuale , i notai danno priorità alla distanza , l'accoglienza dei clienti deve rimanere limitata alle sole persone che non hanno accesso al digitale o non sanno come usarlo o che non hanno le capacità di utilizzo, o quando la natura dell'atto non consente una procura.

In realtà, come per il primo lockdown, il vero freno può risiedere nell'impossibilità o nelle eventuali difficoltà per i clienti di spostarsi , oppure in documenti amministrativi difficilmente ottenibili entro i normali termini durante il periodo di confinamento.

Come avviene la sottoscrizione degli atti e con quali strumenti digitali?
Ciò non pone difficoltà in termini di studi notarili e gli strumenti già esistono. Va ricordato che, contenimento o meno, un acquirente o un venditore che non può recarsi dal notaio per firmare un atto può sempre regolarizzare una procura dematerializzata per farsi rappresentare dal suo agente o eventualmente un dipendente del notaio.

Quando il venditore e l'acquirente hanno ciascuno il proprio notaio , l'atto può essere regolarizzato anche a distanza tra i due notai mediante un sistema di videoconferenza sicuro. E tra pochi giorni apparirà in Gazzetta Ufficiale un decreto per consentire al notaio di ricevere a distanza un'autentica procura dal suo cliente, purché quest'ultimo sia sufficientemente attrezzato. Altrimenti può sempre andare dal suo notaio. Non vi è quindi alcun ostacolo alla sottoscrizione di atti con notai.

Quali esigenze hanno dovuto fronteggiare principalmente gli uffici notarili dall'inizio della pandemia?
Molte sono state le richieste di procure per firmare gli atti più urgenti, in particolare durante il 1 ° confinamento. In questo senso, i Notai francesi hanno dovuto rispondere a molte domande , sulle preoccupazioni dei nostri concittadini. Oltre al settore immobiliare, abbiamo avuto anche un gran numero di questioni relative al diritto di famiglia (donazioni, eredità, testamenti, ecc.).

Noti cambiamenti nei progetti immobiliari dei francesi?
I nostri studi e rapporti sulla situazione immobiliare non mostrano ad oggi grandi cambiamenti. Anche se è vero che può avere segni di interesse, richieste di informazioni su merci fuori dai grandi agglomerati, di superficie più importante , con giardino… Ma non c'è ancora movimento significativo che potrebbe influire sull'evoluzione del mercato. È troppo presto per imparare qualcosa da questa situazione.

Abbiamo notato, dall'autunno del 2019, così ben prima della pandemia, la comparsa di nuovi criteri che potrebbero influenzare il percorso immobiliare dei francesi. Ad esempio, l' edilizia abitativa connessa sembrava essere una dimensione importante per i francesi. L'ascesa del telelavoro rende spesso determinante questo criterio . Si apre così anche il dibattito sull'attrattività dei territori e sull'accesso alla banda larga o anche semplicemente a Internet! Troppe aree geografiche non sono ancora coperte ...

La qualità energetica degli alloggi e il "valore verde" degli alloggi sono criteri sempre più considerati dai francesi .

Questo secondo isolamento genererà un atteggiamento attendista e porterà a un calo dei prezzi?
È troppo presto per trarre conclusioni. L'incertezza e l'atteggiamento attendista legato al contesto economico e sanitario prevale secondo il nostro ultimo rapporto immobiliare di fine ottobre. Il rimbalzo estivo non compenserà i due mesi persi durante il contenimento. Si prevedono vendite stabili fino alla fine dell'anno.

Nel 2 ° trimestre 2020, il volume delle vecchie transazioni immobiliari cumulativamente negli ultimi 12 mesi rimane ancora leggermente superiore al milione ( 1.009.000 ) ma gli aumenti rispetto al 2019 stanno rallentando: dal + 10 % di gennaio al + 2 % di Aprile. La curva dei prezzi è rimasta indifferente a queste variazioni di volume, la 1a ondata di Covid-19 non è stata sufficientemente durevole da impattare sulla resilienza del mercato immobiliare e quindi sui prezzi nel secondo trimestre del 2020 .

Per l'evoluzione, secondo i pre-contratti, nella Francia metropolitana, l'evoluzione dei prezzi osservata nel Q2 2020 continuerebbe fino a ottobre 2020, con un ritmo più sostenuto per gli appartamenti a + 2,1 % (vs. + 1,8 % nel secondo trimestre 2020 ) e ancor più a + 2,6 % (contro + 1,4 % nel secondo trimestre 2020 ) per le case. E ' il calo dei volumi , dovuto in particolare a condizioni economiche che potrebbero deteriorarsi, che potrebbero portare ad un calo dei prezzi con un ritardo di alcuni mesi . Questo non è il caso fino ad oggi.

Perché dovremmo essere particolarmente attenti in questo momento così speciale?
Pandemia o no, l'acquisto o la vendita di immobili è sempre un momento importante da considerare attentamente . Non devi affrettarti e prend il tuo tempo : studia il mercato, l'ambiente, la proprietà . Per l'acquisto, devi essere attento allo sviluppo della tua pratica di finanziamento e alle tue capacità di rimborso. Per i venditori, in questo particolare contesto, non bisogna farsi prendere dal panico ma andare avanti in modo ragionato . Va tenuto presente che un immobile è caratterizzato da diversi momenti chiave: l'acquisto, il momento dell'occupazione, la gestione e infine la rivendita ... Richiedere ad ogni passaggio la consulenza di professionisti , in particolare il notaio , è essenziale.

Dave Marazzi

Progettocasa di Alfa & Omega srls - Social Media Manager

alfaeomegasrls@gmail.com

Condividi questo articolo:

Articoli simili: