Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Ottieni visibilità editando contenuti!
, Roberto

Paesi baltici, ecco come è iniziato il 2019 per il mattone

Prosegue il nostro giro del mondo per poter comprendere in che modo si sta evolvendo il 2019 per il mattone delle principali economie su cui investire.

In tale ambito, vogliamo oggi dedicarsi Paesi baltici, iniziando con la Lettonia, dove i prezzi delle case sono scesi dello 0,46% su base annua nel primo trimestre del 2019. Il mercato immobiliare lettone si sta insomma raffreddando: i prezzi medi degli appartamenti a Riga, capitale e principale mercato del mattone in questo Paese, sono leggermente diminuiti dello 0,46% nel corso dell'anno fino al primo trimestre del 2019, in netto contrasto con la crescita del 5,69% dell'anno precedente. Nell'ultimo trimestre, i prezzi delle case nella capitale sono scesi dell'1,03% rispetto al trimestre precedente.

Il rallentamento è evidentemente frutto del fatto che la domanda si sta indebolendo. Nel 2018, il numero di transazioni degli appartamenti a Riga è sceso del 3% a 8.737 rispetto ai 9.009 dell'anno precedente, stando a quanto suggeriscono i dati di Arco Real Estate. Nell'aprile 2019, sempre secondo quanto suggeriscono le statistiche di Arco Real Estate, il numero totale di appartamenti in vendita a Riga è sceso del 19% rispetto all'anno precedente. Allo stesso modo, anche gli appartamenti in vendita nei più grandi complessi residenziali sono diminuiti del 16% rispetto allo stesso periodo. Oggi il costo dell'appartamento a Riga è di circa 2.789 euro al mq.

Per quanto attiene invece l’evoluzione dell’economia del Paese, la crescita economica della nazione è rallentata al 2,8% su base annua nel primo trimestre del 2019, in calo rispetto al trimestre precedente, con una crescita del 5,1% e per il ritmo più lento dal terzo trimestre del 2016, in un contesto di rallentamento delle esportazioni e della produzione industriale, secondo l'Ufficio Centrale di Statistica della Lettonia. L'economia dovrebbe espandersi del 3,2% quest'anno, dopo tassi di crescita del PIL del 4,8% nel 2018, 4,5% nel 2017, 2,2% nel 2016, 3% nel 2015 e 1,9% nel 2014, secondo le stime del Ministero delle Finanze.

Per certi versi, le stesse riflessioni sono oggi replicabili nei confronti del mercato della Lituania, anche se qui le condizioni sembrano essere più vivaci. I prezzi delle case lituane sono aumentati del 2,28% nel primo trimestre del 2019, in accelerazione di ritmo rispetto al periodo precedente.

Ad ogni modo, il mercato immobiliare lituano rimane molto sano: l'indice dei prezzi degli appartamenti delle cinque principali città (Vilnius, Kaunas, Klaipėda, Šiauliai e Panevėžys) è aumentato del 2,28% nel corso dell'anno fino al primo trimestre del 2019 (dato depurato dell'inflazione) - un miglioramento rispetto a un aumento dello 0,1% su base annua nel primo trimestre del 2018. Nel primo trimestre del 2019 i prezzi delle abitazioni sono rimasti quasi stabili rispetto al trimestre precedente.

Nel 2018, le vendite di appartamenti a Vilnius sono aumentate del 7%, mentre le vendite di case sono aumentate del 17% rispetto all'anno precedente. Infatti, secondo OberHaus, il 2018 ha visto attività record sia nel settore residenziale che in quello degli appartamenti, che ha superato del 6% il precedente record del numero complessivo di transazioni immobiliari, stabilito nel 2007.

In crescita anche l'attività di edilizia residenziale. Nel 2018, i permessi di abitazione sono aumentati del 3,1% a/a a 16.658 unità, mentre i complementi abitativi sono aumentati del 10,9% a 12.244 unità, secondo le statistiche lituane. I costi di un appartamento a Vilnius sono molto bassi, circa 2.163 € al mq.

Dando uno sguardo all’economia, il PIL della Lituania è cresciuto del 3,9% nel primo trimestre del 2019 rispetto all'anno precedente, l'espansione più rapida dal secondo trimestre del 2017 a questa parte, grazie alla solida crescita nei settori delle costruzioni, manifatturiero e del commercio al dettaglio, secondo le statistiche ufficiali lituane. Nonostante ciò, la crescita economica dovrebbe rallentare al 2,7% quest'anno e al 2,6% nel 2020, a causa di una domanda esterna più debole, l'incertezza sul Brexit e i vincoli del commercio internazionale, secondo le stime della Banca di Lituania.

lettonia

Finlandia e Norvegia, ecco come sta il mercato immobiliare

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito