Ecco il nuovo progetto del Paul-Henti SPAAK Building di Bruxelles

Ecco Il Nuovo Proget...

È stato annunciato quest'estate, a Luglio 2022, il vincitore del concorso internazionale per la ristrutturazione del Paul-Henti SPAAK Building di Bruxelles, quello che comunemente chiamiamo il Parlamento Europeo. A vincere è stato un collettivo paneuropeo Europarc, composto dagli studi di architettura Coldefy (Francia), CRA-Carlo Ratti Associati (Italia), Ensamble Studio (Spagna), JDSA / Julien De Smedt Architects (Danimarca/Belgio), e NL Architects (Paesi Bassi), con il supporto delle società di ingegneria UTIL (Belgio) e Ramboll (Danimarca). A rendere fieri noi italiani è la presenza del connazionale Carlo Ratti. Le candidature sono state aperte nel 2019 sono state ricevute 132 proposte: la giuria ha selezionato 15 papabili progetti per la finale a cui ha vinto il progetto di Europarc il quale  ha cercato di sottolineare l'identità dell'Unione Europea e di sostenere l'ideale della democrazia, promuovendo al contempo i principi della costruzione circolare attraverso l'atto stesso di ristrutturare un edificio esistente, riducendo al minimo gli sprechi.

L'edificio principale della sede di Bruxelles del Parlamento europeo, l'edificio Paul-Henri SPAAK fa parte di un complesso di circa 10 edifici con una superficie totale di circa 665.000 mq. Attraverso gli obiettivi del concorso, il Parlamento europeo mirava a un progetto che potesse essere: un'identità architettonica, un collegamento urbano che integra città e paesaggio, un centro culturale che coinvolge i suoi cittadini in un dialogo, uno spazio flessibile e adattivo e, infine, uno spazio positivo esempio di edificio sostenibile e rigenerativo.

Rispondendo all'inchiesta delle commissioni di gara per identificare il giusto approccio al rinnovamento dell'edificio, EUROPARC ha proposto la ristrutturazione attraverso la demolizione parziale e l'inserimento di nuovi elementi architettonici dichiarando:

"L'attuale edificio Spaak presenta numerosi difetti, tuttavia, demolirlo e sostituirlo con un nuovo 'palazzo' potrebbe essere l'approccio sbagliato".

I cinque interventi enfatizzati nell'approccio progettuale sono stati: il riutilizzo dell'edificio SPAAK, un nuovo piano terra permeabile, un involucro nuovo e performante, la camera principale e un'agorà verde e pubblica. Parlando della loro proposta, EUROPARC afferma: “Con una guerra alle porte dell'Europa e una conseguente crisi energetica sempre più pressante, le sfide che l'Unione europea deve affrontare sono condivise da tutti noi. Come team di uffici paneuropei composto da più di 30 nazionalità, comprendiamo e sentiamo direttamente l'impatto di queste difficoltà. La nostra proposta collettiva di ripensare l'edificio del parlamento in modo da ridurre al minimo l'impatto ambientale, ampliandone al contempo l'apertura e l'inclusione civica come incarnazioni dei valori della democrazia europea, è quindi sempre più rilevante".

La strategia di progettazione offre di migliorare in modo significativo le condizioni di lavoro del Parlamento e di catalizzare il potenziale di comunicazione. Considerando l'impronta di carbonio generata nel settore delle costruzioni, specialmente quando viene costruito un nuovo edificio, EUROPARC ha proposto di riutilizzare la maggior parte della struttura della SPAAK. In linea con l'obiettivo del concorso di rilevare integrazione e collegamenti urbani, la proposta intende rafforzare il legame tra l'edificio e la città. Per migliorare il flusso pedonale e la connettività di SPAAK con Place du Luxembourg e Parc Léopold, l'isolato è stato aperto, creando un regno pubblico che si espande anche all'interno. "L'edificio non dovrebbe essere impenetrabile, ma dovrebbe essere un luogo di apertura", afferma EUROPARC riguardo al loro approccio di collegare la nuova architettura alla città.

Soddisfacendo i requisiti di spazio per un'aula modernizzata, l'Emiciclo, una nuova aula dell'assemblea del Parlamento europeo, sarà riposizionato ai livelli superiori. Ampliando la piattaforma democratica, la nuova camera avrà amenità digitali. Inoltre, la proposta mira anche a stabilire un dialogo visivo tra il Parlamento, il giardino pensile e la città attraverso le sue grandi finestre. EUROPARC afferma inoltre: "Una di queste grandi finestre può anche diventare uno schermo per trasmettere informazioni in tempo reale durante le assemblee".

Un elemento unico della proposta che colma la maggior parte di queste esigenze di rinnovamento è l'Agorà Verde. Situato al piano più alto, questo giardino botanico progettato per essere un luogo di aggregazione e ispirato all'Agorà dell'antica Grecia diventa il culmine del percorso architettonico. Non solo visivamente collegata all'Emiciclo attraverso il soffitto aperto di quest'ultimo, l'Agorà Verde fungerà anche da faro della democrazia europea, dove i cittadini e i membri del Parlamento europeo si incontrano e si scambiano opinioni.

Rendering esterno 

I rendering esterni  della proposta mostrano l'edificio postmoderno Paul-Henri Spaak, progettato nel 1988 da Michel Boucquillon e Atelier Espace Léopold, senza la sua caratteristica volta ad arco e circondato da una struttura reticolare bianca che si estende sopra la linea del tetto e racchiude un giardino pensile .

Europarc ha creato un design permeabile con un passaggio pubblico che condurrà i visitatori attraverso l'edificio parlamentare attraverso un ingresso all'aperto e sarà collegato alla rete pedonale del centro di Bruxelles.

Il collettivo rimuoverà una facciata simile a un muro esistente presso l'adiacente edificio Spinelli per accogliere meglio il pubblico nel sito e inquadrare le viste dell'edificio Paul Henri Spaak: "In modo naturale e intuitivo, il passaggio fornirà un grande ingresso ai visitatori del Parlamento e stabilirà un vero e proprio nodo nella rete pedonale di Bruxelles".

Rendering interno

I rendering mostrano l'edificio avvolto in una struttura reticolare bianca

L'Emiciclo, una nuova camera del Parlamento europeo, sarà situato ai piani superiori dell'edificio. Sarà riprogettato per integrare servizi più moderni che includono una serie di funzionalità digitali per ampliare le connessioni esterne e non fisiche.

Le finestre dal pavimento al soffitto collegheranno l'interno dell'Emiciclo con un giardino pensile che offrirà viste sulla città. Questi raddoppieranno anche come schermi di grandi dimensioni durante conferenze e riunioni.

Rendering del giardino botanico

Un giardino botanico sul tetto sarà situato nel punto più alto dell'edificio

L'edificio sarà sormontato dalla Green Agora, un giardino botanico che fa riferimento alle antiche agorà greche o spazi di raccolta. L'orto botanico sarà collegato visivamente all'Emiciclo sottostante attraverso un soffitto aperto.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Carlo Ratti Associati (@crassociati)

Condividi questo articolo:

Articoli simili: