Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Ottieni visibilità editando contenuti!
, Roberto

Pulire il giardino, qualche consiglio per farlo in primavera

La primavera è finalmente arrivata da qualche settimana… anche se in alcune zone d’Italia un inatteso ritorno di inverno sta rovinando i piani di chi si immaginava già a bordo mare o piscina. Ad ogni modo, questo momento del calendario è fondamentale non solamente per poter godere delle giornate più lunghe, quanto anche per poter dare ufficialmente il via alle tanto ambite / odiate pulizie di primavera.

Pulizie che, per chi ha una casa con giardino, non possono che riguardare anche la propria area verde. Ma quali sono i consigli di cui bisognerebbe tenere giusta considerazione?

Abbiamo cercato di riassumere gli spunti più interessanti, che vi consigliamo di leggere e di tenere a mente se non avete ancora iniziato questo tipo di intervento!

Raccogliere la sporcizia

Terminato l’inverno – soprattutto se non vi siete occupati della vostra area verde in tempo utile anche durante la cattiva stagione – fate un giro per il vostro giardino e raccogliete tutti i rifiuti, i detriti vegetali più grandi (come i rami caduti), la sporcizia che sarà stata lasciata durante l'inverno. Assicuratevi di usare un paio di guanti e fate attenzione ai vetri rotti e agli oggetti appuntiti che potreste trovare.

Ricordate di ritagliarvi un bel po’ di tempo per fare questa operazione, perché lasciare i detriti sul prato per molto tempo dopo che l’inverno è passato (e, nelle zone più fredde della Penisola, dopo che la neve si è sciolta) può infatti impedire la crescita di nuova erba sana.

Potete aiutarvi nel compiere questa operazione attraverso un rastrello, da passare con calma sul prato. Fate questa operazione anche se durante la cattiva stagione vi siete comunque occupati del giardino: rastrellare il prato durante l'inverno è sicuramente utile per poter evitare muffe e altri nemici della corretta salute dell’area verde, ma l’operazione deve essere ripetuta con ancora maggiore dedizione nel corso della prima parte della primavera, poiché solamente a questo punto riuscirete a sbarazzarvi di eventuali rimanenti foglie morte, ramoscelli e pigne, potendo così contribuire a mantenere il vostro prato bello e sano e… pronto per poter attraversare correttamente la primavera!

Occuparsi delle piante

Una volta che avete ripulito il prato, potete passare ad occuparvi delle piante. Utilizzate un paio di forbici o di cesoie da giardino di piccole dimensioni per rimuovere le foglie morte e gli steli da piante perenni ed erbe ornamentali. In alcuni casi è questo il momento di fare una potatura, mentre in altri casi è già troppo tardi: per evitare dei guai alla salute delle vostre piante (non c’è niente di peggio che tagliare i rami nel momento in cui stanno crescendo, è sempre meglio farlo durante il “letargo”) domandate un parere al vostro giardiniere di fiducia.

Ispezionate gli attrezzi

Questo momento dell’anno è anche quello più utile per poter dare un'occhiata ai vostri attrezzi. È una buona idea ispezionare attentamente tutti gli strumenti da giardinaggio (come il tosaerba, il tagliasiepi, le forbici, le cesoie, e così via) e pulirli prima che la stagione della crescita vi colpisca in pieno vigore. Assicuratevi che tutte le lame siano affilate e prive di ruggine, cercate crepe e altri segni di usura nelle cinghie visibili, e se tutto non vi sembra in buona forma, non abbiate indugio nel recarvi in uno buon negozio di bricolage, fai-da-te e giardinaggio, per sostituire gli elementi che meriterebbero di andare in pensione con altri elementi di nuova fruizione.

Naturalmente, questi sono solo alcuni dei passi che potete fare per rendere il vostro giardino pienamente pronto per affrontare la parte rimanente della primavera e, soprattutto, l’imminente estate. Ricordate che se non siete sicuri di cosa altro deve essere fatto per poter ripristinare una corretta fruizione e vigore del vostro giardino, è opportuno prendere in considerazione la possibilità di richiedere una consulenza professionale alla ditta di giardinaggio che vi ispira maggiore fiducia.

Evidentemente, tali suggerimenti non potranno che essere poi oggetto di personalizzazione a seconda del vostro giardino, delle caratteristiche dell’area verde, delle piante e dei fiori che sono in essi presenti e… della vostra zona di riferimento territoriale.

In alcune aree d’Italia, per esempio, l’inverno è sufficientemente “mite” da poter consentire una cura del giardino anche durante la cattiva stagione, evitandovi pertanto di arrivare alla stagione primaverile con troppe cose da fare. Insomma, cercate sempre di prendere una periodica e dovuta cura dell’esterno della vostra abitazione, facendo tutto quel che è possibile fare, compatibilmente con l’evoluzione della stagione. In questo modo avrete non solamente una maggiore opportunità di prendervi facile cura una volta tornata la primavera, ma renderete vivibile il vostro giardino anche nella stagione meno favorevole, che potrebbe però presentare delle belle giornate soleggiate in cui sarà sicuramente un piacere poter trascorrere qualche ora nel vostro giardino.

Concludiamo infine rammentando, ancora una volta, quanto sia importante cercare di ottenere una consulenza personalizzata e dedicata: non abbiate alcun timore nel domandare un parere a un buon giardiniere!

giardino

4 consigli per vendere le meglio la vostra casa

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito