Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Ottieni visibilità editando contenuti!
(Agg. 10 Settembre 2020), Redazione

Il mercato immobiliare milanese come forma di investimento

Milano risulta essere da una recente indagine la prima tra le città italiane nella quale investire nel mercato immobiliare. Il rapporto sul settore "Emerging trends in real estate europe 2010" è stato realizzato dall’ente no profit ULI (Urban Land Institue) in collaborazione con PricewaterhouseCoopers e raccoglie l’opinione di oltre 600 professionisti del settore immobiliare a livello europeo. In una prospettiva di confronto con altre realtà europee Milano si colloca nella top ten ottenendo il sesto posto sulla base del portafoglio immobiliare esistente e piazzandosi invece alla nona posizione per quanto riguarda la nuove acquisizioni. Nel complesso i risultati dell’indagine sembrano mettere in risalto una tendenza di miglioramento a livello europeo nel corso del 2010 che dovrebbe rappresentare il primo passo verso una ripresa del mercato immobiliare. Per quanto riguarda Milano questa tendenza all’investimento sta già dando i primi frutti visto che lo scorso anno occupava il diciottesimo posto nella stessa classifica. Più indietro invece Roma dove molti degli immobili nel centro storico sono considerati troppo antichi per essere adibiti ad uso ufficio. Nella Capitale inoltre un freno ulteriore allo sviluppo del settore immobiliare come forma di investimento sembra essere il ruolo della Pubblica Amministrazione perché molti edifici che potrebbero trovare spazio nel mercato sono di fatto destinati ad enti governativi e ministeri. Da quanto emerge dall’indagine di cui sopra Monaco di Baviera resta il miglior mercato dove investire sugli acquisti immobiliari, seguita da Amburgo, Parigi e Londra. Se anche voi avete dei soldi da investire valutate attentamente le numerose opportunità presenti nel mercato immobiliare.

mercato

Immobiliare europeo, Londra traina ancora il segmento corporate

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito