Smalto per legno: quale scegliere per proteggere il legno

smalto per legno

Lo smalto per legno rappresenta un'ottima opportunità per conservare al meglio la propria abitazione perché, non di rado, vari elementi sono proprio formati da questo materiale. Il legno è un materiale da costruzione molto apprezzato in Italia e si sta lentamente facendo spazio grazie a punti forti ormai incontrovertibili. In primo luogo bisogna tenere presente che un immobile costruito con questo materiale appartiene a pieno titolo all'ormai famosa bioedilizia perché riesce a garantire un ottimo risparmio energetico sia col caldo sia col freddo. Vi sono molte aziende specializzate nella costruzione di case in legno, molto spesso prefabbricate che riescono a garantire un interessante colpo d'occhio. Inoltre bisogna fare attenzione perché sebbene prefabbricaati non possono essere costruiti sui terreni agricoli poiché si devono possedere tutti i permessi del caso. E' comunque importante tenere presente che questo materiale è molto utilizzato nel nostro paese come elemento di rifinitura, per gli infissi e per le porte. Questi componenti sono molto esposti alle intemperie quindi per farli resistere il più possibile mantenendo intatte le prestazioni sia per l'integrità del materiale. Proprio per questo motivo è importante poter proteggere il legno in modo da non trovarsi, magari nella stagione delle piogge, con pessime sorprese. Esistono vari tipi di prodotti che possono essere adoperati per questo fine ma lo smalto può essere sicuramente la scelta più conveniente sotto tutti i punti di vista. Ciò è possibile perché la tinta tende a coprire tutte le venature del legno andando a proteggere completamente la superficie rendendo la protezione in grado di resistete a moltissime prove.

Quali sono i vantaggi dello smalto per legno che può offrire agli utenti?

Sono presenti molti punti a favore di questo prodotto perché riesce ad offrire una serie di punti molto importanti per le sue caratteristiche tecniche che rendono questo prodotto molto amato da coloro che decidono di proteggere gli inserti in legno. Vediamo nello specifico quali sono i punti di forza di questo materiale:

  • azione insetticida e fungicida: una caratteristica sicuramente molto importante perché crea un ambiente non ottimale per questo tipo di esseri viventi mantenendo quindi il legno in un ottimo stato di conservazione;
  • microporosità: l'importanza di questo prodotto è rappresentato dal fatto che è microporoso quindi riesce a garantire al legno una buona traspirazione quindi permette di evitare il ristagno dell'umidità;
  • elasticità: risulta essere leggermente elastico quindi riesce a seguire nel migliore dei modi il movimento del legno evitando crepe di varia natura che potrebbero creare delle problematiche anche abbastanza serie nell'adattamento ai "movimenti del legno";
  • forte reristenza: come accennato in precedenza, la resistenza di questo prodotto ai raggi UV, alle intemperie ed agli agenti atmosferici in generale in modo da poter rendere il legno in buone condizioni per molti anni.

Tanti gli smalti per legno quindi vediamo la tipologia che si adatta meglio alle proprie esigenze

Purtroppo non esiste solo un tipo di smalto per legno quindi prima di cominciare a stenderlo è necessario comprendere qual è il prodotto che più si adatta alle necessità della propria casa ed a possibili particolari necessità che possono andare a modificare anche in modo sostanziale la nostra scelta. Nello specifico esistono due particolari tipologie che vengono proposte alla clientela che possiedono una serie di caratteristiche specifiche che possono adattarsi meglio alla propria situazione:

  • a base di acqua: in sostanza questa è la migliore opzione perché permette di ottenere un ottimo risultato e rappresenta un prodotto ecologico e con caratteristiche di alto livello perché non lascia odori tossici, ha un contenuto minore di composti organici volatili ed asciuga con una buona velocità. In questo caso si deve considerare il fatto che gli strumenti adoperati vengono puliti con estrema facilità;
  • a base di solvente: sicuramente più inquinante e con odori abbastanza pronunciati riesce ad offrire una tenace resistenza all'umidità e riesce ad offrire una protezione completa al legno. Per pulire gli utensili in questo caso è necessario adoperare prodotti abbastanza aggressivi come l'acquaraggia.

E' quindi importante controllare che lo smalto riesca ad assicurare un buon tempo di asciugatura, più il legno rimane umido maggiore saranno i rischi derivanti da piogge e condizioni climatiche avverse. Un altro elemento da tenere in grande attenzione è la resa dello smalto ovvero quanta superficie è possibile coprire con una sola pennellata.

Consigli utili per per posare al meglio lo smalto per legno

Quando si esegue questo lavoro è necessario tenere presente il legno che si sta trattando perché è necessario modificare la tecnica in base alle caratteristiche specifiche di questo materiale. Infatti se si ha a che fare con il legno trattato precedentemente sarà necessario prima levigare la superficie per renderla compatta ed eliminare i vecchi strati di vernice quindi procedere con il nuovo strato. Il legno nuovo dev'essere trattato prima con la lana d'acciaio quindi spolverare ed infine usare lo smalto. Infine il legno vecchio dovrà essere trattato con un fungicida ed insetticida.

Condividi questo articolo:

Articoli simili: