Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Ottieni visibilità editando contenuti!
, Redazione

Uso acqua domestica

Con le varie legislature, il sistema delle agevolazioni fiscali ha segnato molti aspetti della vita di tutti gli italiani. Ci sono stati diversi interventi nell’ambito del trattamento dell’'acqua domestica per uso sanitario. Ripercorriamoli.

Con il decreto legge n. 83 del 2012 in Italia è stata introdotta una novità importante, ovvero, l’estensione della detrazione fiscale del 65% alle spese per interventi di sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria.

La legge di stabilità per il 2014 (n. 147 del 27 dicembre 2013) ha prorogato al 31 dicembre 2014 le detrazioni delle spese per interventi di risparmio energetico e per ristrutturazione del patrimonio edilizio e ha poi introdotto la detrazione per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici di classe A finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto dell’intervento.

Le spese possono essere detratte per il 65% se sostenute tra il 6 giugno 2013 e il 31 dicembre 2014 e del 50% se sostenute dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2015.

In caso di interventi su parti comuni degli edifici condominiali le aliquote saranno del 65% per le spese del primo semestre 2015 e del 50% per quelle che sono state sostenute dal secondo semestre 2015 al primo semestre 2016.

Sin dal 2008 l’acquisto di pompe di calore ad alta efficienza, di impianti geotermici a bassa entalpia e di tutti i prodotti che generalmente sono connessi all’installazione di caldaie è agevolato. In particolare, la norma prevede solo che si possa sostituire un impianto di climatizzazione invernale con una caldaia a condensazione, per cui ladd

ove nel prezzo di tale bene siano inclusi anche filtri addolcitori, sistemi di dosaggio e prodotti per il condizionamento de

ll’acqua sanitaria e circuiti di riscaldamento, anche questi possono essere sottoposti ad agevolazione, ottenendo non solo un risparmio energetico ma, anche idrico.

Una detrazione del 50% è, invece, prevista per le spese relative all’acquisto di filtri addolcitori, sistemi di dosaggio e prodotti per il condizionamento dell’acqua sanitaria e circuiti di riscaldamento. Ciò, sia se vi sono interventi su singole unità abitative, in ambito di una manutenzione straordinaria e, nel caso di interventi su parti comuni di edifici condominiali, nell’ambito di una manutenzione ordinaria.

I vantaggi per il consumatore ben assistito da installatori professionisti e aziende leader del settore, può essere rilevante ed è importante che si sappia come rendere le abitazioni più efficienti dal punto di vista economico ed ambientale.

Questi interventi a favore del cittadino sono molto utili ma non sufficienti, si spera che la situazioni continui a migliorare nel tempo.

acqua domestica

Legge di Stabilità 2014 e detrazioni fiscali sugli immobili


Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito