Cause in tribunale per vizi, o difetti di costruzione

costruzioni

I difetti che aumentano i contenziosi in tribunale, in materia di costruzioni

L’ Università di Bologna in collaborazione con il Tribunale, ha promosso un’iniziativa per monitorare vizi e difetti in materia di costruzioni, che sono oggetto di contenzioso e cause giudiziarie. Infatti, quasi l’80% dei procedimenti in corso nel Tribunale di Bologna, riguardano le costruzioni.

E’ nato, quindi, il primo Osservatorio italiano creato attraverso le competenze fornite dal dipartimento di ingegneria civile, chimica, ambientale e dei materiali e applicate a cause e accertamenti tecnici resi disponibili dal Tribunale.

Esso, si propone di migliorare i processi a livello operativo ed economico, del settore delle costruzioni. Attraverso esso, si cercherà, inoltre, di migliorare i tempi, razionalizzandoli, favorendo la conduzione del contenzioso edile.

Un obiettivo importante dell’Osservatorio, è quello di far meglio conoscere il contenzioso in materia di appalti e compravendita, sensibilizzando gli addetti ai lavori. Si vuole, quindi, individuare, un unico linguaggio capace di dialogare attraverso i medesimi riferimenti giuridici e tecnici e utilizzando una conoscenza di base attraverso l’analisi dei casi già svolti.

L’altro obiettivo, fondamentale, è quello di conoscere gli errori di tipo progettuale per poter andare a migliorare le tecniche in materia edilizia. Si cerca di migliorare i rapporti tra professionisti, cittadini e pubblica amministrazione. Si è osservato che solo il 3% delle cause ha un problema di carattere progettuale, mentre, il 9%, l’inosservanza della normativa tecnica, mentre nella maggior parte si tratta di esecuzione lavori.

I dati raccolti dall’Osservatorio segnalano che i vizi più frequenti nelle cause legali sono quelli ricollegabili alla:

  • lavorazione non a regola d'arte (22%)
  • infiltrazione di acqua (13%)
  • non completamento dei lavori (11%)
  • danni legati (51%) a difetti di esecuzione
  • danni imputabili ai soggetti responsabili della realizzazione e ai materiali (7%)
  • errori della committenza (15%)
  • errori della conduzione (10%)

Ciò ci fa capire come il numero delle contestazioni possa essere ridotto migliorando la dialettica del professionista in fase di progettazione e la predisposizione di procedure di utilizzo.

Su questo portale potete trovare tante notizie e informazioni che riguardano il mercato immobiliare, vi basterà utilizzare la funzione cerca.

Condividi questo articolo:

Articoli simili: