Come pulire l'ottone: Ecco dei rimedi naturali ed efficaci

Come Pulire L'ottone...

Come pulire l’ottone

 L’ottone è una lega tra zinco e rame e risulta color oro; questa lega viene utilizzata molto per i complementi d’arredo come lampadari maniglie o anche le strutture del letto, proprio per la sua caratteristica resistenza alla corrosione e all’usura. Già conosciuto e utilizzato nell'antichità venne ampiamente usato poi nel medioevo, soprattutto per la realizzazione di oggetti ecclesiastici.

L'ottone è una lega molto resistente che resiste alla corrosione e all'usura; il suo unico difetto  è che a contatto con l’aria si ossida, ovvero diventa più scuro e perde lucentezza.  Se si possiedono degli oggetti in ottone bisognerà sapere alcuni trucchi per mantenere sempre lucido l'ottone o riportarlo al suo stato iniziale: lucido e brillante sia con dei metodi naturali che con prodotti chimici specifici. 

Come capire se è ottone?

Prima di iniziare qualsiasi trattamento bisogna essere sicuri che si tratti realmente di ottone, per non rischiare di fare trattamenti per la pulizia sbagliati; uno dei metodi più comuni per capire se si tratta realmente di ottone o se la parte interessata è in ferro placcato in ottone è la prova della calamita, se si tratta di ottone la calamita non dovrebbe essere attratta dalla parte metallica.

Ottone ossidato

Questa lega relativamente economica non si corrode ed è difficile da usurare, ma si ossida con il tempo a contatto con l’aria. Per ossidazione si intende quella leggera patina di ruggine che rende l’ottone annerito e opaco cambiando completamente aspetto a maniglie, lampade, manopole, vasi o qualsiasi altro complemento d’arredo. Ma come è possibile riportarlo all’aspetto iniziale? In che modo si pulisce l’ottone?

Pulire l’ottone in modo naturale

Sono tanti i modi per pulire l’ottone fai da te, solitamente si utilizza una parte acida per rimuovere l’ossidazione. L'aspetto più importante da curare però è lo strumento: sono vietate spazzole con setole dure, spugnette o retine abrasive che righeranno la superficie in ottone rovinandola. Per pulire l'ottone basterà un  panno morbido o uno spazzolino con setole morbide. 

Se si tratta di una semplice ossidazione prima di acquistare prodotti specifici consigliamo di provare dei metodi naturali per pulire in ottone, con ingredienti che sicuramente avrete già in casa.

Metodo 1: Limone e Aceto

Come anticipato prima per rimuovere l’ossidazione serve una parte acida, in questo caso, sia il limone che l’aceto oltre ad un potere sgrassante, grazie alla loro acidità in pochi minuti riporteranno l’ottone a brillare. Basterà unire i due ingredienti, bagnare una spugna con la miscela e strofinare per qualche minuto.

Metodo 2: Acqua tiepida e Bicarbonato

Sciogliendo il bicarbonato in poca acqua tiepida si creerà una pasta molle, basterà disporla sull’ottone e lasciarla agire per una decina di minuti, risciacquare con un pò d’acqua e limone e infine asciugare.

Metodo 3: Sapone di Marsiglia

Chi non lo adora? Il sapone di marsiglia è un Must Have nelle pulizie di casa. Se si tratta di piccoli oggetti potrai utilizzarlo per pulire anche l’ottone. Basterà preparare una bacinella di acqua calda con scaglie di sapone di Marsiglia e lasciare gli oggetti a mollo per qualche ora successivamente sciacquare e asciugare subito con un panno asciutto.

Metodo 4: Aceto, sale fino e farina

Bisognerà sciogliere un cucchiaino di sale in mezza tazza di aceto e poi aggiungere la farina fino a quando non si ottiene una pasta, applicarla sull’ottone, lasciarla agire 15/20 minuti infine risciacquare.

Altri rimedi per pulire l'ottone 

Altri ingredienti “nuovi” utilizzati da poco tempo per la pulizia sono ad esempio il Ketchup o la Coca-Cola, sicuramente non li possiamo inserire nei rimedi fai da te  della nonna ma anche questi, avendo una parte acida, riescono a pulire e lucidare l’ottone.

Per le situazioni più tragiche, se ci troviamo di fronte ad un oggetto molto vecchio e annerito potrai immergerlo in un composto di ammoniaca e aceto e lasciarlo in immersione almeno un ora. Infine spazzolarlo con uno spazzolino a setole morbide insistendo  all'interno degli intarsi.

Questi rimedi naturali funzionano solo se vengono fatti regolarmente, ma se vuoi portare a nuovo un oggetto molto ossidato probabilmente non basteranno dei prodotti naturali (anche se vale la pena provare) e dovrai ricorrere a prodotti specifici per la pulizia di leghe e metalli; solitamente si trovano in forma pastosa che vanno versati su un panno e con tanta pazienza e olio di gomito porteranno a far risplendere gli oggetti in ottone. In commercio ce ne sono tanti, fai attenzione che sull’etichetta ci sia specificato che siano adatti per l’ottone.

Uno dei più consigliati è Sidol: il flacone da 150 ml costa circa 3€. 

Come lucidare l'ottone 

Infine per rendere brillanti le superfici di ottone basterà lucidarle con un goccio di olio di semi di lino, che aiuterà anche ad eliminare le macchie nere e creerà una patina protettiva sulla lega.

Un altra tecnica per ridare luce all'ottone è creare una crema composta da succo di limone, sale, aceto e bicarbonato.

Infine puoi lucidare l'ottone con la cera, strofinandola sulla superficie con un panno morbido.

Condividi questo articolo:

Articoli simili: