Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Ottieni visibilità editando contenuti!
, Alessia

L'EDILIZIA GREEN AUMENTA IL VALORE DEGLI IMMOBILI

I dati del primo Osservatorio di Scenari Immobiliari

Puntare sull' edilizia green paga, eccome, fino ad un +10% !

Investire in immobili sostenibili, malgrado gli iniziali costi di costruzione o di ristrutturazione/adeguamento maggiori (+ 5 -10%), conviene . Infatti, aumenta in maniera considerevole il valore degli stessi e dei loro canoni d'affitto sul mercato e si riducono sensibilmente, al tempo stesso, i tempi di vendita (si passa dagli 8 mesi di media a 4 mesi).

Questa la fotografia scattata dal primo Osservatorio sull'EDILIZIA GREEN realizzato da Scenari Immobiliari (Istituto indipendente di studi e di ricerche analizza i mercati immobiliari, ed in generale, l'economia del territorio in Italia ed in Europa) in collaborazione con Johnson Controls , secondo cui il prezzo di un immobile green aumenterebbe di una percentuale compresa tra il 2 e il 10%, mentre il suo canone di affitto salirebbe di un valore compreso tra il 2 e l'8%. "L 'edilizia green impatta sul valore degli immobili da diversi punti di vista: sia sul valore reale, (prezzi o canoni), sia sull'appetibilità sul mercato degli edifici", spiega Francesca Zirnstein, Direttore Generale di Scenari Immobiliari.

A tutto ciò devono essere aggiunti i benefici e i vantaggi nelle bollette e soprattutto del benessere psicofisico indoor.

Grande slancio quindi per l'edilizia green. "Nonostante il periodo di crisi, soprattutto per quanto riguarda gli immobili corporate e tutta la parte degli immobili terziari e commerciali, c'è stata una grande spinta verso l'edilizia green" sottolinea Zirnstein " gli investitori internazionali stanno investendo nel 2017 in Italia circa 10 miliardi di euro e richiedono immobili con una certificazione green. Questo perchè la certificazione evidenzia la qualità del costruito, la qualità del processo edilizio, la qualità dell'ambiente in cui le persone vivranno e lavoreranno, ma anche perchè il valore legato alla sostenibilità ambientale dell'edificio viene riconosciuto dal resto della comunità e quindi, in un successivo passaggio di proprietà , continua a costituire un surplus. Poi naturalmente va menzionato anche il fatto che i costi di manutenzione e i costi per le utenze sono inferiori".

Chi investe nel settore

Ma chi sono i soggetti interessati ad investire in questo settore? "Sono indubbiamente i soggetti istituzionali, le grandi società internazionali. Il problema è che adesso abbiamo tante opportunità, tanto patrimonio edilizio da valorizzare e trasformare, tante operazioni che stanno partendo, ma pochi progetti già ultimati".

Mentre nel comparto residenziale la poca conoscenza e i non ancora chiari vantaggi si sommano ai costi ancora elevati e così l'ambito fatica ancora un po' ad attrarre numerosi investitori.

Salute e Internet of Things

Tra i temi analizzati dall' Osservatorio anche il binomio sicurezza - Internet of Things. "Nell'era dell'internet delle cose “ sottolinea Francesca Zirnstein "ognuno di noi con un qualsiasi dispositivo [omissis] può gestire la propria casa da remoto per questo motivo la sicurezza informatica è diventato un tema fondamentale su cui lavorare. Ancora più importante, per chi si occupa di mercato immobiliare, è poi la sicurezza intesa nell' accezione di salubrità degli ambienti. In questo senso la grande possibilità che oggi abbiamo a disposizione è quella di utilizzare le centinaia di informazioni rilevate dalle tecnologie per metterle a sistema aumentando la qualità dell' ambiente interno all' edificio, un elemento che per me costituisce il massimo della sostenibilità " .

Le certificazioni

Secondo il report, e comunque in generale, le certificazioni ambientali sono uno strumento che "piano piano si sta facendo strada nel settore immobiliare, anche se al momento non è particolarmente diffuso. Noi nel rapporto abbiamo analizzato i risultati della certificazione LEED, perchè in Italia è la più diffusa con circa 220 immobili, numero che comprende quelli già certificati e quelli in via di certificazione."

Ovviamente ricordiamo che la LEED , come altre, è una certificazione volontaria. LEED, ovvero Leadership in Energy and Environmental Design, è una certificazione internazionale, che definisce nuovi criteri di progettazione degli edifici nei quali viviamo, lavoriamo o studiamo. La certificazione è stata sviluppata dalla U.S. Green Building Council (USGBC) nel 2000 ed è presente anche in Italia grazie al lavoro di GBC Italia che ne ha creato una versione locale. GBC, è un organo non governativo indipendente, e la certificazione LEED garantisce ai committenti e agli utenti finali dell’edificio una progettazione rivolta al raggiungimento di alte prestazioni in aree chiave della salute umana e ambientale quali: sviluppo sostenibile del sito, risparmio dell’acqua, efficienza energetica, scelta dei materiali e qualità ambientale all’interno dell’involucro, tenendo conto dell’intero ciclo di vita dell’edificio.

edilizia green

Robert Watson si esprime sul sistema delle costruzioni

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito