Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Ottieni visibilità editando contenuti!
, Roberto

Immobiliare Venezia, la ripresa è spinta anche dagli affitti brevi

Il mercato immobiliare di Venezia è in ripresa, soprattutto per quanto concerne il comparto abitativo. L’interesse non è solamente nazionale, ma rappresentato da una platea crescente di acquirenti internazionali, costituiti principalmente da francesi, tedeschi, inglesi e statunitensi: un mix di domanda italo – straniera che permette di sostenere richieste ingenti nei confronti delle operazioni di acquisto di una casa in Laguna, sia per poterla abitare come abitazione principale o secondaria, sia per poterla affittare in un segmento sempre più redditizio come quello delle locazioni di breve periodo.

Quale è la tipologia più richiesta

Per quanto attiene la tipologia più richiesta, gli ultimi dati utili ci confermano che si ricorre soprattutto a un bilocale o a un trilocale, con un budget di spesa per i sestieri maggiormente turistici che parte da 300 mila euro – 350 mila euro. L’alternativa, per chi vuole spendere un po’ di meno, è rappresentata dalle isole di Murano, Burano e Pellestrina.

Ripresa o no?

Ad ogni modo, è ancora prematuro affermare che si tratti di un vero e proprio rimbalzo del comparto immobiliare lagunare. Come osserva Luca Dalla Benetta, agente Re/Max, sul quotidiano Il Sole 24 Ore, infatti, “è presto per parlare di vera ripresa, ma Venezia ha chiuso il 2018 con il maggior numero di compravendite tra le province venete, grazie ad un +11% registrato dell'Agenzia delle Entrate. A crescere sono soprattutto le vendite di mono e bilocali (+3,3%) e appartamenti con metratura superiore ai 145 metri quadri (+ 4,5%), in una città dove nel centro storico i prezzi medi si attestano sui 4.500 euro al mq, tornati ad aumentare del 2,5% rispetto al 2017”.

I tempi medi di vendita

Se i dati sono particolarmente soddisfacenti nel territorio lagunare, meno dinamico si conferma essere il mercato in terraferma, con una tempistica media di vendita a Mestre e a Marghera che rimane ferma a quota 8 mesi, contro i 7,3 mesi che invece occorrono per poter vendere una casa a Venezia città. Il dato è in costante flessione negli ultimi semestri, così come è in contrazione il margine delle trattative: lo sconto cui oggi si può arrivare è in media pari al 14,4%, da applicarsi al prezzo a cui è pubblicizzato l’immobile.

I mutui

Secondo quanto afferma Facile.it, il valore medio degli immobili acquistati nel corso degli ultimi sei mesi grazie a un mutuo immobiliare con ipoteca è pari a 195,7 mila euro, con importo medio richiesto pari a 127,9 mila euro e importo medio erogato di 123,7 mila euro. Un anno fa gli stessi dati parlavano di una richiesta media di 133,6 mila euro e un valore medio degli immobili finanziati pari a 195 mila euro, con erogazione media di 128,3 mila euro.

I prezzi per zona

Concludendo infine con un’analizi dei prezzi per zona, l’area più pregiata è quella di Canal Grande, dove un immobile signorile nuovo o ristrutturato costa 9,9 mila euro al metro quadro, mentre un immobile medio costa 7,6 mila euro. Per l’usato i costi sono di 6,2 mila euro in caso di medie condizioni, e di 7,4 mila euro per le condizioni signorili.

Chi vuole risparmiare dovrebbe invece puntare la bussola verso la zona di Mestre e Marghera. A Mestre centro un immobile usato costa tra i 2 e i 2,1 mila euro al metro quadro, mentre a Marghera centro il costo oscilla tra 1,3 e 1,7 mila euro al metro quadro per l’usato. I prezzi dei nuovi immobili si aggirano tra i 2,3 e i 2,7 mila euro al metro quadro per Mestre centro e i 2,2 e i 2,5 mila euro al metro quadro per Marghera centro. Costi più ridotti nelle aree periferiche e periferiche.

venezia

Tempi medi di vendita: in Italia sono pari a 7 mesi

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito