Impianto a pavimento: pro e contro, prezzi e consigli tecnici

Impianto A Pavimento

L'impianto a pavimento trasforma il tuo pavimento in un grande emettitore di calore tramite un sistema di tubi o cavi posati sotto il pavimento. È efficiente ed efficace, ma è giusto per te?

L'impianto per il riscaldamento a pavimento è diventato uno dei modi più popolari per riscaldare una casa. Non solo sembra un po' un lusso, fornire pavimenti caldi sotto i piedi, ma è anche uno dei modi più efficaci per riscaldare gli ambienti. A differenza dei radiatori, che per lo più riscaldano semplicemente l'aria (quella che chiamiamo convezione), l'impianto a pavimento  riscalda l'ambiente con un mix di calore radiante e convezione, contribuendo a creare una temperatura più costante e confortevole in tutta la stanza, riducendo al contempo la probabilità di punti freddi.

In una casa esistente, pur essendo decisamente gestibile, può essere di disturbo passare dai termosifoni a un sistema di riscaldamento a pavimento. Tuttavia, quando intraprenderai un'autocostruzione o amplierai la tua casa, sarai in grado di includere il riscaldamento a pavimento nei tuoi piani fin dall'inizio, integrandolo nei tuoi lavori di costruzione complessivi.

Cos'è l'impianto a pavimento?

L'impianto  a pavimento prevede l'installazione di un sistema (di tubi o fili) nel pavimento. Il pavimento, in sostanza, diventa l'intero termosifone, riscaldando l'ambiente.

Riscalda l'ambiente da zero e offre livelli di comfort migliorati e una minore richiesta per la caldaia rispetto a un sistema a radiatori tradizionale. Ciò è dovuto al riscaldamento a pavimento che ha una temperatura di esercizio inferiore (circa 40°C) rispetto a un impianto a radiatori, che normalmente funziona a circa 65°C.

Il riscaldamento a pavimento funziona molto bene con le tecnologie rinnovabili come le pompe di calore, che hanno una bassa portata.

Tipi di impianto a pavimento

Esistono due tipi principali di riscaldamento a pavimento:

  • Riscaldamento a pavimento umido o secco 
  • Riscaldamento a pavimento elettrico o idraulico

In termini di base, un sistema di riscaldamento a pavimento umido è caratterizzato da tubazioni, riempite con acqua calda e alimentate da una caldaia o da una pompa di calore, nascoste nel pavimento e tipicamente incassate all'interno di un massetto. Sicuramente questo è il miglior tipo di riscaldamento a pavimento per chi costruisce da zero e/o progetta un impianto per tutta la casa.

Il riscaldamento a pavimento elettrico, invece,  è spesso più economico e più facile da installare rispetto al riscaldamento a pavimento umido. Tuttavia, i costi di gestione possono essere tre volte superiori.

Spesso è una buona idea installare il riscaldamento a pavimento elettrico in una piccola area singola come un bagno o un bagno privato, dove potrebbe essere difficile installare il riscaldamento a pavimento umido.

Se stai optando per un sistema di riscaldamento a pavimento per tutta la casa, ci saranno tubi separati che corrono in ogni stanza. Ciò ti consente di controllare quando quelle stanze o "zone" vengono riscaldate e per quanto tempo, evitando di dover riscaldare spazi non occupati.

Quali tipi di riscaldamento a pavimento umido esistono?

Esistono sostanzialmente due tipi di riscaldamento a pavimento umido:

Il riscaldamento a pavimento interrato prevede il posizionamento dei tubi nel massetto. Il massetto è finito, interrando le tubazioni, e le diverse zone sono controllate dal collettore di riscaldamento a pavimento. Questo è il sistema UFH bagnato più efficiente, ma più adatto per ristrutturazioni o nuove costruzioni dove sono richiesti nuovi massetti.

Il riscaldamento a pavimento a superficie prevede sistemi specializzati che hanno installato i tubi dell'acqua calda in pannelli coibentati. Sono progettati per essere a basso profilo, aggiungendo solo 1,5 cm al livello del pavimento, tuttavia, ciò causerà comunque alcuni problemi durante il retrofit. Anche questi sistemi tendono ad essere più costosi.

Come funziona il riscaldamento a pavimento?

Ironia della sorte, forse, UFH è in realtà più vicino all'essere un "radiatore". L'UFH riscalda la massa del pavimento (il massetto e la finitura del pavimento) e quel calore si irradia (per lo più) nella stanza: c'è una certa convezione in corso, ma oltre l'80% del trasferimento di calore avviene per irraggiamento.

L'effetto di ciò è che UFH riscalda la stanza da zero, fornendo calore uniforme in tutta la stanza, eliminando i punti freddi e fornendo così più comfort. 

Pertanto, se vogliamo impostare la temperatura della stanza a 20°C, un sistema di radiatori dovrà portare il soffitto a 21°C o 22°C per sentirci a nostro agio mentre guardiamo la televisione.

Con un sistema UFH, il soffitto può essere a 18°C e avremo comunque una confortevole temperatura di 20°C a livello del divano. Una riduzione di 1°C della temperatura ridurrà la bolletta del riscaldamento del 10%.

Quali sono i vantaggi dell'impianto a pavimento?

  • Riduce i punti freddi su vaste aree.
  • Funziona a una temperatura inferiore rispetto ai radiatori, il che significa che l'impianto a pavimento è più efficiente dal punto di vista energetico.
  • Compatibile con molti tipi di pavimentazione.
  • Elimina la necessità di radiatori che rubano spazio. Il riscaldamento a pavimento aumenta la superficie disponibile di una casa del 15%.
  • Più sicuro per i bambini e migliore per la qualità dell'aria interna.

Quali sono i contro del riscaldamento a pavimento?

  • Il riscaldamento a pavimento è più costoso da installare rispetto a un sistema di radiatori comparabile: in genere costa dal 20% al 50% in più.
  • Il tempo di installazione può essere più lungo. Anche il riscaldamento a pavimento elettrico può richiedere lavori per l'autolivellamento prima dell'installazione.
  • Quando si esegue il retrofit del riscaldamento a pavimento, sarà necessario considerare le modifiche all'altezza del pavimento. Ciò potrebbe richiedere un lavoro extra per scavare il pavimento per un profilo livellato.

Il riscaldamento a pavimento è costoso da installare?

Il riscaldamento a pavimento costa  circa 60€/mq ma il suo costo è molto variabile in base a una nuova costruzione o ampliamento. Queste cifre variano a seconda delle dimensioni della proprietà, della quantità di riscaldamento necessaria all'edificio e se si tratta di una nuova costruzione, ristrutturazione o conversione. Gli impianti a pavimento di alta qualità arrivano a costare anche 80€ /mq

Questo non è necessariamente più costoso dei sistemi di riscaldamento a pavimento elettrici e, in effetti, alcuni dei sistemi elettrici più avanzati costeranno di più.

Impianto a pavimento vs termosifoni

Il riscaldamento a pavimento può sostituire i termosifoni?

Potenzialmente sì, ma questo sarà dettato proprietà per proprietà, stanza per stanza, a seconda della coibentazione e della potenza del sistema di riscaldamento a pavimento.

I termosifoni sono più economici da acquistare, sono ben conosciuti e c'è un'ampia scelta in termini di dimensioni, stile e installatori, ma sono meno efficienti e occupano spazio. Forse il problema più grande è che in stanze più grandi possono produrre una differenza di temperatura fino a 4°C in tutta la stanza.

Un sistema di riscaldamento a pavimento offre anche una riduzione del 15% della domanda di energia rispetto a un sistema a radiatori, cosa difficile da ignorare.

Il riscaldamento a pavimento è più economico da utilizzare rispetto ai termosifoni?

Sebbene il riscaldamento a pavimento abbia una spesa iniziale maggiore rispetto ai radiatori, non lasciarti scoraggiare. I costi di gestione sono generalmente molto inferiori per rispetto ai radiatori. Vale anche la pena notare che i sistemi di riscaldamento a pavimento hanno una durata di oltre 50 anni, mentre il radiatore medio durerà solo tra 8-12 anni prima di diventare inefficiente.

Come si installa l'impianto a pavimento?

Un'installazione di riscaldamento a pavimento umido basata su massetto prevede la posa di tubi sopra l'isolamento. Questi tubi sono posati in file, avvolgendosi dove necessario e distanziati in modo uniforme per garantire una diffusione uniforme del calore su tutta la superficie del pavimento. I tubi verranno fissati utilizzando graffette per tubi.

Un massetto autolivellante viene poi colato sulle tubazioni, interrandole efficacemente. Una volta colato, il massetto viene trattato con uno spray chimico per stabilizzare e costipare, prima di essere lasciato asciugare.

È un'idea sensata aspettare 4 settimane affinché il massetto si asciughi correttamente prima di passare alla posa della pavimentazione nel tuo spazio, ma chiedi consiglio al fornitore per la particolare miscela di massetto che stai utilizzando.

Posso installare il riscaldamento a pavimento nella mia casa esistente?

In una nuova costruzione, il costo aggiuntivo del riscaldamento a pavimento rispetto all'intero costo di costruzione è raramente un problema.

Tuttavia, se stai cercando di riadattare il riscaldamento a pavimento in un progetto di ristrutturazione, può essere estremamente dirompente e costoso in quanto spesso comporta la rimozione di pavimenti o l'innalzamento del livello del pavimento, che potrebbe avere implicazioni su porte, battiscopa, ecc..

I sistemi a basso profilo tendono ad avere tubi di diametro inferiore e funzionare a una temperatura più elevata. Ciò significa che il pavimento si riscalderà e si raffredderà molto più rapidamente rispetto al tradizionale riscaldamento a pavimento.

Laddove il riscaldamento a pavimento viene aggiunto a un sistema di radiatori esistente, sarà necessario un sistema di controllo diverso. Fortunatamente, i termostati wireless (alcuni dei quali possono essere controllati con un'app del telefono) rendono l'installazione molto più semplice.

Di quale spessore del massetto ho bisogno con un sistema di riscaldamento a pavimento?

Lo spessore del massetto durante il processo di installazione farà la differenza. Lo spessore del massetto in cui si trovano i tubi caldi e umidi avrà un impatto sull'utilizzo del sistema.

Un massetto spesso darà un tempo di reazione più lungo (il tempo necessario per il riscaldamento e il raffreddamento), mentre un massetto sottile avrà un tempo di reazione più rapido.

Se i tubi sono alloggiati nella soletta in calcestruzzo, questa dovrebbe avere uno spessore di 150 mm e fornire un tempo di reazione di oltre quattro ore. In questa situazione, è meglio far funzionare il sistema tutto il giorno, a una temperatura ambiente più bassa, diciamo 15°C o 16°C, per fornire un riscaldamento di fondo all'intera casa. Evidenziare il riscaldamento, come una stufa a legna, è una buona idea nelle stanze occupate

Un massetto standard in sabbia e cemento dovrebbe avere uno spessore compreso tra 65 mm e 75 mm e il riscaldamento a pavimento potrebbe richiedere fino a due ore per riscaldare la stanza o raffreddarsi. Questa situazione potrebbe essere adatta a stanze in cui trascorriamo molto tempo, come il salotto o la cucina, ma potrebbe essere meno accettabile nella camera degli ospiti

Con massetti a flusso più sottili, potremmo aspettarci uno spessore da 35 mm a 40 mm e un tempo di reazione da circa 30 a 40 minuti: il sistema può funzionare in modo simile a un sistema di radiatori. I massetti flow offrono una migliore conducibilità termica rispetto a sabbia e cemento ed essendo più sottili e leggeri possono essere adatti sia per ristrutturazioni che per nuove costruzioni.

Quale è giusto e migliore dipenderà dalla costruzione della casa, dalle tue abitudini di occupazione e da come verrà utilizzato il sistema di riscaldamento a pavimento.

Il riscaldamento a pavimento aumenterà il profilo del pavimento esistente?

Il riscaldamento a pavimento di solito alzerà il profilo del pavimento. L'importo di cui viene sollevato dipenderà da una serie di fattori come la quantità di isolamento necessario aggiungere, le dimensioni del tubo e la necessità di un massetto e di una finitura del pavimento.

Ci sono anche alcuni prodotti che vengono "scolpiti" in un massetto esistente, nel qual caso non ci sarebbe alcun accumulo aggiuntivo oltre alla finitura finale del pavimento.

Quali tipi di pavimento sono compatibili con il riscaldamento a pavimento?

Il riscaldamento a pavimento non è compatibile solo con pavimenti in piastrelle o pietra. Sebbene funzioni bene con questi pavimenti duri, ciò non significa anche che altri tipi di pavimento siano adatti. La maggior parte dei rivenditori specificherà se un pavimento funzionerà con l'impianto a pavimento quindi informati dal rivenditore da cui stai acquistando il pavimento.

Piastrelle in ceramica e porcellana, piastrelle viniliche di lusso e pavimenti in pietra naturale sono tra le scelte più efficienti per l'impianto a pavimento, tuttavia, ci sono alcuni stili di pavimento che non sono adatti.

Il legno multistrato funziona con il riscaldamento a pavimento se ha un profilo sottile, 12 mm o 15 mm, senza intaccare il legno o influire notevolmente sulla resa termica. Tuttavia, i pavimenti in legno massiccio non possono far fronte ai continui cambiamenti di temperatura dovuti al riscaldamentoed è probabile che si danneggino e si deformino.

Posso mettere un tappeto sul riscaldamento a pavimento?

Un tappeto con una resistenza termica inferiore a 2,5 tog non influirà sull'efficienza del riscaldamento a pavimento e un tappeto 80% lana e 20% nylon con un sottofondo standard sarà probabilmente solo 2,2 tog al massimo.

Posso utilizzare il riscaldamento a pavimento con pavimenti in cemento lucidato?

Il calcestruzzo è un ottimo conduttore di calore, quindi i pavimenti in cemento lucidato funzionano molto bene con il riscaldamento a pavimento. La massa termica del tuo calcestruzzo tratterrà il calore e garantirà che la tua stanza rimanga calda più a lungo dopo lo spegnimento del riscaldamento rispetto a un sistema di radiatori. Sono facili da versare sulle tubazioni e assorbono e trattengono bene il calore prodotto. Tuttavia, chiedi consiglio al tuo installatore prima di accendere il riscaldamento a pavimento.

Se l'impianto a pavimento non ti ha convinto, scopri tutti gli altri impianti di riscaldamento.

Condividi questo articolo:

Articoli simili: