Mercato immobiliare USA previsioni e tendenze del 2022 negli Stati Uniti

Mercato Immobiliare Usa

Anche se non è un argomento che ci riguarda da vicino il mercato immobiliare degli Stati Uniti in qualche modo dovrebbe interessarci e forse anche incuriosirci. 

Oltre al fatto che il Mercato immobiliare degli U.S.A. del 2021 non è andato affatto come era stato previsto, anche quest’anno sono state fatte delle previsioni. Si riveleranno vere? Saranno attendibili?

Certo è che per il mercato immobiliare degli United States la pandemia ha contribuito a stimolare uno dei mercati immobiliari più competitivi e ristretti della storia anzicchè  creare un crollo immobiliare. Tra agosto 2020 e agosto 2021, i prezzi delle case sono saliti a un record del 19,9%, facendo impallidire il precedente più grande balzo dei prezzi di 12 mesi (14,1%), avvenuto nel periodo precedente al crollo del 2008.

Ma questo livello di crescita dei prezzi dovrebbe scendere. Questo autunno, il mercato immobiliare ha finalmente iniziato a rallentare un po', poiché un mercato così ampio ha dato la possibilità di più scelta  e meno acquirenti si sono impegnati in guerre di offerte. Mentre devono essere ancora pubblicate le letture per settembre e ottobre, gli esperti nel campo hanno affermato che stanno già iniziando a vedere un rallentamento della crescita dei prezzi.

"Siamo caduti in un mercato immobiliare più noioso rispetto a quello che abbiamo visto dall'inizio della pandemia", ha detto a Fortune Ali Wolf, capo economista di Zonda. "Nonostante la pervasività dello shock adesivo, alcuni consumatori scelgono di addebitare in avanti nel mercato meno febbrile di oggi per assicurarsi una casa e bloccare un tasso ipotecario storicamente basso (e in aumento)."

Il mercato immobiliare si sta ancora muovendo verso l'alto, anche se a un ritmo lento. Questo rallentamento, o la cosiddetta normalizzazione, dovrebbe continuare nel prossimo anno: ogni modello di previsione 2022 che Fortune ha esaminato prevede che la crescita dei prezzi rallenterà l'anno prossimo. Tuttavia, l'intervallo di crescita previsto tra queste previsioni è ovunque. Si prevede che i prezzi aumentino dal 7,9% all 13,6% nei prossimi 12 mesi..


La ragione? Bene, stanno succedendo molte cose. Per cominciare, l'inflazione ostinatamente alta ha aumentato le probabilità che la Federal Reserve alzi i tassi di interesse, e quindi i tassi ipotecari, il prima possibile. Il tasso ipotecario fisso medio a 30 anni, che attualmente è del 3,09%, potrebbe aumentare vicino o sopra il 4% l'anno prossimo. Naturalmente, i tassi ipotecari più elevati esercitano una pressione diretta al ribasso sui prezzi. Poi c'è la combinazione del ritorno della stagionalità, dopo essere stata assente durante il ciclo anomalo del 2020, e la fine delle protezioni di tolleranza dei mutui COVID-19, che hanno contribuito a far salire di nuovo l'inventario.


C'è di più. Se i datori di lavoro riportassero effettivamente il personale in ufficio, ciò potrebbe ridurre l'acquisto di case nei mercati e negli esurbi della seconda casa. Come hanno  affermato gli esperti nell'ultimo rapporto di prospettiva dell'azienda: "Mentre ci dirigiamo verso il 2022, ci aspettiamo una certa moderazione nell'attuale modello di fuga dai nuclei urbani mentre la pandemia svanisce".

Ma sia i venditori che gli acquirenti potrebbero essere saggi nel prendere tutte queste previsioni con le pinze. Dopotutto, quando la pandemia ha colpito l'anno scorso, CoreLogic e Zillow avevano previsto che i prezzi delle case sarebbero diminuiti fino all'inizio del 2021. È successo il contrario: l'economia ha eliminato la recessione COVID-19 entro maggio 2020 e il mercato immobiliare era in corsa. La bomba caduta martedì potrebbe anche minare la fiducia di alcune persone. Mentre annunciava questa settimana che stava chiudendo la sua attività non redditizia, Rich Barton, CEO di Zillow, ha ammesso che la sua azienda non è molto brava a prevedere i prezzi: "Abbiamo determinato che l'imprevedibilità nella previsione del mercato immobiliare degli USA supera di gran lunga quello che avevamo previsto. "

Questo passato è stato un anno pieno di prezzi delle case alle stelle, il ritorno delle guerre di offerte e tassi di ipoteca bassissimi. L'inventario si è prosciugato, mentre le lunghe moratorie di pignoramento e sfratto hanno solo complicato le cose.

È stato un anno storico, a dir poco.

1. I pignoramenti saliranno

Nonostante le difficoltà finanziarie che molti hanno dovuto affrontare durante la pandemia, i pignoramenti sono stati in gran parte inesistenti negli ultimi 18 mesi, grazie a un divieto di preclusione a livello nazionale. La moratoria è scaduta a luglio, tuttavia, e di conseguenza i tassi di preclusione hanno già iniziato a salire.

2. Gli aumenti dei prezzi delle case inizieranno a rallentare

Non è un segreto che i prezzi delle case siano diminuiti lo scorso anno. Secondo gli ultimi numeri della Federal Housing Finance Agency, ad agosto erano aumentati del 18,5% rispetto allo stesso mese del 2020.

Fortunatamente per gli acquirenti, i giorni di enormi rialzi dei prezzi come questo potrebbero essere contati. Sebbene nessuno preveda un calo dei prezzi delle case, la maggior parte degli analisti si aspetta che i prezzi aumentino a un ritmo più lento di quanto abbiamo visto di recente.

3. I tassi ipotecari aumenteranno

Con la Federal Reserve che riduce gli acquisti di titoli garantiti da ipoteca a causa dell'aumento dell'inflazione, possiamo aspettarci un aumento dei tassi ipotecari. Hanno già mostrato segni di questo, con il prestito medio a tasso fisso di 30 anni che è balzato nelle ultime settimane. A

4. L'inventario dovrebbe migliorare

Uno dei maggiori ostacoli di quest'anno è stato l'inventario limitato. La domanda di alloggi c'era, ma le inserzioni in vendita? Non lo erano. In effetti, a un certo punto l'inventario ha toccato il minimo di sempre, con solo una fornitura di case in vendita di 3,5 mesi, il che significa che ci vorrebbe così tanto tempo per vendere tutte le case sul mercato.

Anche se il prossimo anno probabilmente non segnerà un'enorme inversione di tendenza sul fronte delle scorte, gli acquirenti dovrebbero vedere un po' di sollievo. A settembre, l'arretrato di case in vendita ha raggiunto la soglia dei sei mesi. Sebbene sia ancora una carenza comparativamente parlando, la siccità delle scorte è in calo da qualche tempo. La differenza tra l'inventario in vendita dell'anno scorso e quello di quest'anno si è ridotto per diversi mesi consecutivi.Ci avviciniamo alla normalità.

Secondo la maggior parte dei conti, il mercato immobiliare  degli USA del 2022 dovrebbe essere un po' più vicino alla normalità rispetto a quello di quest'anno. Anche se probabilmente non sarà del tutto roseo , investitori e acquirenti dovrebbero affrontare meno venti contrari quando cercano di acquistare una proprietà.

Condividi questo articolo:

Articoli simili: