Polizza incendio e scoppio su mutuo: preventivi a confronto e obblighi

Polizza incendio e scoppio su mutuo

Quando si stipula un mutuo per l’acquisto di una casa è indispensabile anche sottoscrivere anche la polizza incendio e scoppio: di che cosa si tratta esattamente? Si tratta di una polizza obbligatoria che deve essere stipulata nel momento della richiesta del mutuo (qui trovate i requisiti necessari per la richiesta del mutuo della prima casa) e che deve essere firmata contestualmente proprio all’erogazione del finanziamento in vista dell’acquisto della propria abitazione. Si tratta di una polizza che va a coprire i danni che vengono provocati da casi imprevedibili, come ad esempio gli incendi e gli scoppi. Per stipularla è necessario avere a disposizione il proprio documento d'identità, il codice fiscale e tutti i dati relativi all’immobile. Vediamo quali sono le caratteristiche di questa assicurazione, perché è necessario stipulare questo tipo di assicurazione e scopriamo anche il motivo per cui sia il mutuatario sia la banca erogante sono così interessati alla stipula della polizza.

Polizza incendio e scoppio su mutuo, che cos’è


La polizza incendio e scoppio su mutuo è una particolare tipologia di contratto assicurativo necessaria per tutelare il valore dell’investimento effettuato, in questo l’immobile, tutelando l’acquisto di un immobile da una serie di eventi negativi che potrebbero danneggiarlo. Si tratta di una polizza che protegge l’immobile da incendi non dolosi, da esplosioni, ma anche scoppi che siano causati dal malfunzionamento di impianti o apparecchiature elettriche, da fughe di gas oppure da esplosioni derivate da condizioni climatiche avverse e imprevedibili. Se si dovesse, nelle peggiore delle ipotesi, verificare uno degli eventi previsti dalla polizza, il sottoscrittore della polizza, potrà ottenere un risarcimento da parte della compagnia assicurativa che sarà sproporzionato al valore dell’immobile o meglio, pari al valore di ricostruzione a nuovo dello stesso immobile.

L’importanza della perizia

Proprio per questo motivo, la stipula della polizza dovrà essere necessariamente legata alla perizia sulle condizioni dell’immobile che proprio l’istituto di credito erogante il mutuo va a richiedere. Sarà proprio tramite la perizia effettuata che la banca riuscirà a stabilire il valore dell’immobile stesso e di conseguenza richiedere al mutuatario che sia stipulata una polizza con un massimale di copertura dello stesso importo.

Polizza incendio e furto, le garanzie obbligatorie

L’assicurazione casa incendio e scoppio è obbligatoria e in genere viene sottoscritta al momento della stipula del mutuo, ma oltre alla garanzie obbligatorie potrebbero esserci delle garanzie accessorie.

Ecco intanto le garanzie obbligatorie.

  • incendio totale o parziale;
  • esplosione di impianti domestici, guasti, fughe di gas
  • scariche di corrente
  • fulmini
  • crolli
  • danni all'immobile (per fumo, gas e vapori).

Possono poi esserci delle garanzie accessorie che coprono ad esempio i danni da eventi atmosferici o eventuali danni causati da eventi sociopolitici.

he garantisce un risarcimento in caso di danni che siano stati provocati da circostanze imprevedibili, dagli incendi alle fughe di gas ai cortocircuiti. Si tratta in effetti dell’unica polizza obbligatoria che dovrà essere necessariamente stipulata prima di poter richiedere un mutuo per l'acquisto dell’immobile. Si tratta di una polizza obbligatoria: ad essere interessata alla sua stipula è ovviamente la banca erogante, che ha nell’immobile stesso la sua garanzia principale per il prestito. Ovviamente si tratta di una polizza a cui anche il mutuatario stesso è interessato, ma è anche vero che non è affatto obbligatorio stipulare la polizza con l’istituto di credito erogante il mutuo. Qualche anno fa infatti l'assicurazione casa scoppio e incendio non era obbligatoria, ma si trattava di una scelta volontaria da parte del mutuatario: adesso. Diventata obbligatoria per proteggere gli istituti di credito dal rischio di perdere il credito che è stato concesso a titolo di mutuo ed ecco perché il mutuo viene concesso alla contestuale firma della polizza.

Polizza incendio e scoppio, quanto costa

Ricordiamo che la polizza incendio e scoppio non è detraibile, ma quanto costa? Il prezzo onde a variare in base a diversi fattori e in base alle coperture previste, al valore dell’immobile, al finanziamento, ma anche dalle Franchigie e dai Massimali. Le Franchigie sono gli importi sotto i quali la compagnia assicurativa non è tenuta a risarcire il danno: se il danno resta sotto il valore della franchigia non è previsto pertanto il risarcimento. Meglio allora controllare la franchigia prima della firma del contratto ed eventualmente farla cambiare. Il Massimale è l’importo massimo che l’assicurazione corrisponde al mutuatario qualora si verifichino dei danni all’immobile. Si tratta di un importo simile all’importo del finanziamento. Anche la polizza incendio e scoppio prevede una quota annuale, ma in questo caso l’importo richiesto viene diviso attraverso una maggiorazione sulla rata mensile del mutuo. Al momento della sottoscrizione dell'assicurazione è anche possibile decidere se versare l'intero importo in una rata unica o dividerla in diverse rate maggiorate, ma ovviamente dipende dalla sua disponibilità economica. Il cliente può scegliere di stipulare la polizza anche con una compagnia assicurativa diversa rispetto a quella proposta dalla banca che dovrà pero presentare almeno due preventivi di due diverse compagnie assicurative. In media il costo mensile di una polizza varia fra i 30 e i 50 euro, ma ovviamente può variare.

Preventivi a confronto

La polizza incendio e scoppio su mutuo è obbligatoria, ma è anche possibile valutare un preventivo che corrisponda alle nostre esigenze (come scegliere il mutuo migliore). La banca potrà certamente calcolare il premio previsto dato che eroga il mutuo, ma è anche possibile sottoscrivere la polizza presso una diversa compagnia assicurativa. Per poter attivare la polizza assicurativa è necessario munirsi dei documenti necessari, i documenti d’identità, il proprio codice fiscale e tutti i dati relativi all’immobile. Si tratta dei dati identificativi, dei dati del finanziamento in corso di istruttoria e dei dati dell’immobile che è oggetto di mutuo. Naturalmente per poter calcolare i diversi preventivo ed effettuare un confronto valido, è necessario inserire anche l’importo del mutuo e il valore di mercato del bene. Prima di stipulare la polizza potrebbe anche essere necessario compiere ulteriori accertamenti sull’immobile in modo tale da poter capire quale sia l’effettivo valore del bene che dovrà essere assicurato oppure poter predisporre un contratto assicurativo con un massimale adeguato al valore del bene da assicurare. È anche possibile effettuare dei confronti tra i diversi preventivi per la Polizza Incendio e Scoppio in totale autonomia anche per rendersi conto dell’importo. In questo caso è anche possibile ricorrere ai diversi comparatori ance disponibili online anche inserendo i propri dati anagrafici e l’importo che dovrà essere assicurato. Sarà quindi possibile poter confrontare contemporaneamente i premi e le garanzie previste e ottenere una quotazione dalle più affidabili compagnie assicurative Europee. Quando si stipula una polizza incendio e scoppio su muto in genere viene suggerito un primo preventivo dalla banca stessa, ma il mutuatario ha la possibilità di poter scegliere in autonomia la propria assicurazione. Meglio allora evitare di firmare subito il mutuo e la polizza abbinata che è stata proposta dalla banca e capire invece qualche sia l’offerta migliore a disposizione sul mercato. Nel momento in cui si sceglie di stipulare la polizza con una compagnia diversa rispetto alla banca, sarà necessario che l’importo coperto sia pari almeno all’importo del finanziamento. Spetterà all’assicurazione, in base al valore dell’immobile che viene stabilito dalla perizia effettuata per conto della banca, offrire un preventivo che potrà essere utilizzato per valutare la migliore offerta.

Articoli simili: