Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Ottieni visibilità editando contenuti!
, Architetto Anna Civita Pieretti

RAPPORTO 2016 FEDERCOSTRUZIONI

Primi segnali di ripresa per il settore

E' stato presentato in occasione del SAIE (Salone dell'Innovazione Edilizia Bologna 19 al 22 ottobre - 52esima edizione ), da Federcostruzioni, il proprio rapporto annuale (2016) in cui si illustrano i «primi segnali positivi per la filiera delle costruzioni dopo otto lunghi anni di crisi stimando per quest’anno un piccolo incremento del valore della produzione per il 2016 ( 0,7%), dopo la perdita dello 0,5% nel 2015 e del 3% nel 2014». Così vicepresidente di Federcostruzioni Luigi Di Carlantonio e il segretario generale Luigi Perissich hanno ricordato come il periodo che va dal 2008 al 2015 è stato drammatico per la filiera delle costruzioni che ha visto perdere 131 miliardi di euro (ossia quasi il 30% del valore della produzione) perdendo 674mila posti di lavoro.

Seppur tutti i settori della filiera edilizia hanno sofferto la crisi, sicuramente , in termini assoluti è il comparto delle costruzioni ad avere perso un più consistente valore della produzione (-79,4 miliardi di euro). Da rilevare comunque come dati positivi dell’export hanno in ogni caso attutito l’effetto negativo della forte contrazione della domanda interna.

In termini relativi, le flessioni più consistenti si sono manifestate nei settori dei laterizi (-72,4%), del commercio delle macchine per il movimento terra, da cantiere e per l’edilizia (-59,5%), del cemento e calcestruzzo (-54,1%), dei bitumi e dell’asfalto (-45,2%), della siderurgia (-42,4%), dei prodotti del vetro (-42,1%), del commercio delle macchine per il movimento terra (-41,4%).

Come sostenere i segnali di ripresa

Per Federcostruzioni, servono comunque misure incisive ed è necessario puntare sull’innovazione e la digitalizzazione dei processi produttivi includendo la filiera delle costruzioni nella strategia Industria 4.0 , ossia investimenti che stimolino l’innovazione per la quarta rivoluzione industriale; puntando su una strategia digitale .

L'intero comparto deve quindi inserisrsi nella quarta rivoluzione industriale, mediante una strategia digitale basata su cinque pilastri:

Mentre dal Governo si attende perseveranza per il rilancio del mercato dei lavori pubblici, il potenziamento degli incentivi per la riqualificazione e la messa in sicurezza , degli edifici privati e pubblici e la riqualificazione del territorio e del patrimonio edilizio pubblico.
Allora, grande attesa per tutte quelle misure che il Governo si appresta a mettere in campo nella prossima legge di bilancio sul fronte delle regole per il rilancio del settore nonchè del mercato dei lavori pubblici.

Sempre per Federcostruzioni, bisogna che : «......’innovazione e la digitalizzazione dei processi produttivi, omissis...... queste rappresentano le grandi sfide che le imprese devono saper cogliere per lasciarsi alle spalle la crisi e poter dare un contributo decisivo alla ripresa dell’intera economia. Le potenzialità del settore d’altronde sono ancora enormi. Basti pensare che un aumento di domanda di un miliardo di euro nelle costruzioni genera, come si evidenzia nel rapporto, una ricaduta complessiva sull’intero sistema economico di oltre 3,5 miliardi, con la relativa creazione di 15.555 unità di lavoro».

RAPPORTO 2016 FEDERCOSTRUZIONI

Mercato immobiliare Europa: nuovi segnali di miglioramento


Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito