Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Ottieni visibilità editando contenuti!
, Roberto

Regno Unito, nonostante Brexit la domanda studentesca rimane forte

Sono più di 560.000 gli studenti che hanno presentato domanda per iniziare un corso di laurea a tempo pieno presso le università del Regno Unito per l'anno accademico 2019/20, stando a quanto affermano gli ultimi dati provenienti dalle statistiche delle domande dell'UCAS. Si tratta di quasi 2.500 domande in più rispetto allo stesso punto dell'anno scorso e del primo aumento delle domande in tre anni rispetto all'anno precedente.

Naturalmente, tali dati, che ci permettono di comprendere le nuove tendenze relative alle domande di settore, è di vitale importanza per il settore degli alloggi per studenti, in quanto ha implicazioni per la domanda attuale e futura degli studenti.

L'aumento delle domande per l'anno accademico 2019/20 è stato trainato da un numero record di domande provenienti da fuori dal Regno Unito, che è salito del 5,7% rispetto ai livelli del 2018.

Il numero di studenti internazionali è aumentato nonostante l'accresciuto livello di incertezza politica che circonda Brexit, evidenziando il continuo richiamo globale dell'istruzione superiore britannica. Complessivamente, quasi un quinto (19,2%) di tutti i candidati proveniva da fuori dal Regno Unito.

Da notare in particolare l'aumento del 33,3% rispetto all'anno precedente dei futuri studenti cinesi - da 11.915 a 15.880, che fa seguito a un aumento del 20,6% l'anno scorso e porta il numero di candidati cinesi a quasi lo stesso livello di quelli del Galles e dell'Irlanda del Nord (rispettivamente 18.855 e 17.910).

Degno di nota è stato anche un aumento dell'1% delle domande provenienti dall'Unione europea. La futura domanda degli studenti dell'UE dipenderà dalle decisioni politiche fondamentali in materia di tasse, sostegno finanziario e norme sull'immigrazione.

Le domande degli studenti britannici sono state piuttosto statiche rispetto all'anno precedente, con un calo inferiore all'1%. Tuttavia, è evidente come tale tendenza si inserisca nel contesto di un calo di quasi il 2% della popolazione del Regno Unito di 18 anni. In proporzione, tuttavia, il 38,2% dei diciottenni del Regno Unito ha fatto domanda per un corso di laurea a tempo pieno, il più alto di sempre, battendo il record dello scorso anno.

Si prevede che la crescita del numero di studenti sarà mantenuta nel lungo periodo, con l'analisi di Knight Frank delle proiezioni della popolazione ONS, insieme ai tassi di ingresso dall'UCAS, che indicano un aumento del 15% del numero di studenti universitari a tempo pieno entro il 2030. Ciò rappresenterebbe un aumento di 220.000 studenti, ammesso che i dati vengano confermati come definitivi a fine “stagione”.

Si tenga anche conto che l’aumento dei tassi di accettazione da parte degli istituti universitari, è stato sostenuto dall'innalzamento del tetto ai posti per gli studenti presso le istituzioni finanziate con fondi pubblici in Inghilterra a partire dal 2015, una politica che ha fornito alle istituzioni una maggiore flessibilità nella gestione delle iscrizioni e nel controllo del numero e della distribuzione dei posti nelle diverse facoltà.

Molte università, ad esempio, hanno deciso di partecipare al processo di "Clearing", che abbina i candidati ai posti universitari che devono ancora essere occupati, e offre una parte standard del loro ciclo di ammissione. L'analisi dell'UCAS mostra che un terzo dei candidati provenienti da Inghilterra, Irlanda del Nord e Galles di 18 anni ha ricevuto un'offerta incondizionata nel 2018, mentre tutte le università, anche quelle con le tariffe più elevate (quelle che offrono corsi che richiedono gradi superiori), hanno partecipato al "Clearing".

L'Augar Review of tuition fees and university funding, che dovrebbe concludersi quest'anno, potrebbe portare a cambiamenti strategici, anche se la maggior parte delle raccomandazioni dovrebbe concentrarsi sulla riduzione delle tasse universitarie. Le implicazioni di qualsiasi cambiamento varieranno: le università con tariffe più basse in genere dipendono maggiormente dalle tasse, rispetto alle istituzioni con tariffe più elevate. E ciò, in buona evidenza, potrebbe aggravare le già forti differenze nella domanda di posti tra i diversi gruppi e livelli di università.

In effetti, i dati dell'HESA indicano che, mentre il numero complessivo di studenti delle università di livello inferiore è rimasto stabile dal 2012, le università a tariffa più elevata hanno visto il loro numero crescere del 18%, in quanto gli studenti privilegiano l'accesso ai corsi di alta qualità a loro disposizione.

Le istituzioni a tariffa più bassa all'interno di città multi-universitarie sono state in grado di invertire questa tendenza, con sedi studentesche più grandi e più popolose come Leicester e Coventry che hanno mantenuto il loro forte appeal. Tuttavia, poiché il numero di persone che compiono 18 anni aumenta dal 2021 in poi, le università con tariffe più basse potrebbero dover lavorare di più per attrarre una quota del potenziale aumento del numero di studenti.

Si tratta di un elemento statistico particolarmente importante, dato che i bacini di utenza delle università a tariffa più bassa tendono ad essere più ristretti. L'Università di Salford, ad esempio, ha attirato nel 2017/18 il 50% degli studenti universitari a tempo pieno della macrozona di Manchester. La cifra equivalente per l'Università di Manchester era del 17%.

regno unito

Affitti universitari, è Milano la città più cara

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito