Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Ottieni visibilità editando contenuti!
, Roberto

Stati Uniti, le vendite di case crollano ad aprile

Secondo la National Association of Realtors, le vendite di case usate sono diminuite drasticamente nel mese di aprile 2020, continuando quello che oggi è diventato essere un calo di due mesi nelle vendite, causato dalla pandemia di coronavirus. Ognuna delle quattro principali macro regioni a stelle e strisce ha registrato un calo delle vendite mese su mese e anno su anno, con quella occidetnale che ha visto il maggior calo in entrambe le categorie.

Le vendite totali di case

Le vendite totali delle case esistenti, che comprendono case unifamiliari, case di città, condomini e coabitazioni, sono scese del 17,8% da marzo a un tasso annuo stagionalizzato di 4,33 milioni di euro in aprile. Nel complesso, le vendite sono diminuite su base annua, con un calo del 17,2% rispetto a un anno fa (5,23 milioni nell'aprile 2019).

"I lockdown economici - che si sono verificati da metà marzo ad aprile nella maggior parte degli stati - hanno temporaneamente perturbato le vendite delle case", ha detto Lawrence Yun, capo economista di NAR. "Ma le quotazioni sul mercato continuano ad attrarre acquirenti e ad aumentare i prezzi delle case". Le vendite di case esistenti ad aprile sono il livello più basso di vendite da luglio 2010 (3,45 milioni) e il più grande calo mensile da luglio 2010 (-22,5%).

Il prezzo medio

Il prezzo medio delle case usate vendute ad aprile è stato di 286.800 dollari, con un aumento del 7,4% rispetto ad aprile 2019 (267.000 dollari), dato che i prezzi sono aumentati in tutte le regioni. L'aumento nazionale dei prezzi di aprile segna 98 mesi consecutivi di guadagni su base annua.

"I tassi ipotecari da record rimarranno probabilmente in vigore per il resto dell'anno e saranno il fattore chiave che guiderà la domanda di alloggi con la costante riapertura delle economie statali", ha detto Yun. "Tuttavia, per domare la crescita dei prezzi sarà necessario un maggior numero di inserzioni e un aumento della costruzione di abitazioni".

I dati sulle vendite e sugli invenduti

Lo stock totale delle abitazioni alla fine di aprile ammontava a 1,47 milioni di unità, in calo dell'1,3% rispetto a marzo, e del 19,7% rispetto a un anno fa (1,83 milioni). Le scorte invendute si attestano a 4,1 mesi al ritmo di vendita attuale, in aumento rispetto ai 3,4 mesi di marzo e in diminuzione rispetto ai 4,2 mesi di aprile 2019.

Gli immobili sono rimasti tipicamente sul mercato per 27 giorni in aprile, in calo stagionale rispetto ai 29 giorni di marzo, ma in aumento rispetto ai 24 giorni di aprile 2019. Il 56 per cento delle case vendute nell'aprile 2020 è rimasto sul mercato per meno di un mese.

Chi ha comprato casa

I “primi” acquirenti sono stati responsabili del 36% delle vendite di aprile, in crescita rispetto al 34% di marzo 2020 e al 32% di aprile 2019. Il profilo NAR 2019 di acquirenti e venditori di case - pubblicato alla fine del 2019 - ha rivelato che la quota annuale degli acquirenti per la prima volta era del 33%.

I singoli investitori o acquirenti di seconda casa, che rappresentano molte vendite in contanti, hanno acquistato il 10% delle case in aprile, in calo rispetto al 13% di marzo 2020 e al 16% di aprile 2019. Le vendite in contanti hanno rappresentato il 15% delle transazioni in aprile, in calo rispetto al 19% di marzo 2020 e al 20% di aprile 2019.

Quanto è stato colpito il settore

Le vendite in sofferenza - pignoramenti e vendite allo scoperto - hanno rappresentato il 3% delle vendite in aprile, circa in pareggio sia nel marzo 2020 che nell'aprile 2019. "Sebbene praticamente ogni settore dell'economia americana sia stato colpito duramente da questa pandemia, gli 1,4 milioni di agenti immobiliari della nostra nazione hanno continuato a mostrare un impegno costante per la loro professione, i loro clienti e l'industria immobiliare americana", ha affermato il presidente della NAR Vince Malta.

"Come troviamo in qualsiasi momento di crisi, abbiamo una grande opportunità di evolvere e di emergere più forti ed efficienti", ha continuato Malta. "Avendo rinnovato la nostra attenzione su nuovi e innovativi modi di servire i consumatori americani, sono fiducioso che il settore immobiliare della nostra nazione siano in una posizione unica per guidare la ripresa economica dell'America".

Il Market Hotness Index di Realtor.com, che misura il time-on-the-market e le visualizzazioni degli annunci per proprietà, ha rivelato che le aree metropolitane più calde di aprile sono state Colorado Springs, Colo.; Fort Wayne, Ind.; Topeka, Kan.; Pueblo, Colo. e Columbus, Ohio.

Secondo Freddie Mac, il tasso medio di impegno per un mutuo a 30 anni, convenzionale e a tasso fisso, è sceso al 3,31% in aprile, contro il 3,45% di marzo. Il tasso d'impegno medio per tutto il 2019 è stato del 3,94%.

Vendite unifamiliari

Le vendite delle case unifamiliari sono state pari a 3,94 milioni di euro in aprile, con un calo del 16,9% rispetto ai 4,74 milioni di marzo, e del 15,5% rispetto a un anno fa. Il prezzo mediano delle case unifamiliari esistenti era di 288.700 dollari in aprile, con un aumento del 7,3% rispetto all'aprile 2019.

Le vendite condominiali e cooperative esistenti sono state registrate a un tasso annuo destagionalizzato di 390.000 unità in aprile, in calo del 26,4% rispetto a marzo e del 31,6% rispetto a un anno fa. Il prezzo mediano del condominio esistente è stato di 267.200 dollari in aprile, con un aumento del 7,1% rispetto a un anno fa.

"Sembra esserci un cambiamento nella preferenza per le case unifamiliari rispetto alle abitazioni condominiali", ha detto Yun. "Questa tendenza potrebbe durare a lungo, dato che il lavoro a distanza e le esigenze di abitazioni più grandi diventeranno ampiamente prevalenti anche dopo l'uscita da questa pandemia".

Ripartizione regionale

Come nel mese precedente, le vendite di aprile sono diminuite in ogni regione rispetto al mese precedente. I prezzi delle case mediane in ogni regione sono cresciuti rispetto a un anno fa, con le regioni del Nord-Est e del Midwest che hanno registrato i maggiori aumenti di prezzo.

Ad aprile 2020 le vendite di case esistenti nel Nord-Est sono diminuite del 16,9%, registrando un tasso annuo di 540.000 unità, con un calo del 18,2% rispetto a un anno fa. Il prezzo mediano nel Nord-Est è stato di 312.500 dollari, con un aumento dell'8,7% rispetto ad aprile 2019.

Le vendite di case esistenti sono diminuite del 12,0% nel Midwest a un tasso annuo di 1,10 milioni di dollari, con un calo dell'8,3% rispetto a un anno fa. Il prezzo mediano nel Midwest è stato di 229.200 dollari, con un aumento del 9,3% rispetto ad aprile 2019.

Le vendite di case esistenti nel Sud sono scese del 17,9% a un tasso annuo di 1,88 milioni in aprile, con un calo del 16,8% rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Il prezzo mediano nel Sud è stato di 249.400 dollari, con un aumento del 6,4% rispetto a un anno fa.

Le vendite di case esistenti nel West e sono scese del 25,0% a un tasso annuo di 810.000 dollari in aprile, un calo del 27,0% rispetto a un anno fa. Il prezzo mediano in Occidente è stato di 419.300 dollari, con un aumento del 6,1% rispetto ad aprile 2019.

usa

Comprare casa a Miami

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito