Se operi nel campo immobiliare, registra il tuo profilo. Ottieni visibilità editando contenuti!
, Lucia Franco

Come calcolare il valore di mercato di un immobile

Non esiste una lista precisa che indichi quali siano i fattori da considerare per determinare il prezzo di un immobile, in quanto le variabili da considerare sono diverse e i fattori cambiano anche in relazione alla tipologia dell’immobile stesso. A parità di condizioni, quindi, un appartamento in condominio, un attico al centro della città, una villetta a schiera o indipendente avranno un valore diverso.

Tra le tante variabili è senza ombra di dubbio necessario considerare: il quartiere, lo stato dell’appartamento, la posizione (l’abitazione è al piano? Dove affaccia? Si trova lungo una strada rumorosa e trafficata? Vicino ha negozi o supermercati, scuole e impianti sportivi?), la grandezza dell’abitazione, le finiture, le condizioni del tetto, la presenza di un garage, la presenza dell’ascensore piuttosto che di un terrazzo o di un grande giardino e la classe energetica.

Quali sono allora i criteri principali per calcolare il valore di un immobile?

Fra i più generici rientrano i seguenti:

Le spese di costruzione

Il prezzo di un immobile è un intreccio tra mercato e costi sostenuti dal costruttore. Ad esempio sul nuovo incideranno il costo di costruzione, gli oneri comunali e le spese tecniche, il costo dell’area fabbricabile o della demolizione e il ricavo d’impresa.

La posizione

La posizione può incidere notevolmente sul prezzo con una percentuale variabile tra il 40 e il 80%. Cosa vuol dire? Prendiamo in considerazione un attico in Piazza di Spagna a Roma è ovvio che la posizione inciderà dell’80%, ovvero il massimo.

Ricordiamoci che i fattori sono numerosi, ma il contesto ha una sua importanza ed incide almeno il 50%. Ad esempio considerando due appartamenti, entrambi di 200 metri quadrati con uguali caratteristiche, il primo alle porte di Roma e il secondo in una delle vie più lussuose della città, essi possono costare 200 mila euro l’uno e 2 milioni l’altro.

Lo stato dell’immobile

Lo stato dell’immobile può incidere tra il 20 e il 50%. Ciò dipende essenzialmente dalle condizioni dell’abitazione poiché se non sono necessari lavori extra saremo disposti a spendere di più rispetto a un’abitazione dove si dovranno sostenere delle altre spese per renderlo vivibile.

Differenze tra vecchia e nuova costruzione

Se l’appartamento è vecchio vengono valutati maggiormente i parametri antisismici, gli isolamenti termici e acustici e l’esterno della palazzina. Quando parliamo di ristrutturazione, possiamo trovarci di fronte a una casa che internamente è paragonabile a una nuova costruzione, ma esternamente fa sempre parte di una palazzina costruita in tempi più o meno remoti, con tecnologie molto spesso ormai obsolete.

L’importanza dell’ascensore

L’ascensore incide il 15% circa, se valutiamo un appartamento al primo piano o al piano terra. Diversamente, se parliamo di un alloggio in un condominio di 10 piani, avrà un’incidenza sicuramente maggiore.

Differenza tra una provincia e l’altra

Il valore che può variare da provincia a provincia è quello riguardante l’anno di costruzione; se in una zona ad elevato rischio sismico si prediligono nuovi immobili in quanto garantiscono una maggiore sicurezza, in zone dove non vi è rischio sismico questo parametro non viene neanche valutato.

Come calcolare il valore di mercato di un immobile

Sempre più prestiti concessi per ristrutturare la propria abitazione

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito