Pratiche ENEA ristrutturazione: guida al portale, tempi e comunicazione

 ristrutturazione

Si chiama ENEA ed è l’Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie energia sviluppo economico sostenibile, l’ente che in pratica gestisce tutti gli incentivi fiscali previsti dal governo. Proprio all’ENEA devono essere necessariamente comunicate tutte le richieste di adesione ai bonus previsti, l’ecobonus, il bonus casa, con detrazioni fiscali fissate al 50%, 65%, 70%, 75 e 80%. Chi richiede il bonus deve anche effettuare regolare comunicazione all’ENEA entro delle tempistiche precise, pena la perdita di possibilità di usufruire delle detrazioni stesse relative alle ristrutturazioni edilizie e agli interventi di riqualificazione energetica. La comunicazione deve essere inoltrata entro 90 giorni direttamente tramite il portale stesso. Naturalmente è necessario essere precedentemente iscritti al portale. Vediamo quali sono le pratiche ENEA ristrutturazione, quali sono le tempistiche e le modalità di presentazione della comunicazione Enea ristrutturazione.

Bonus ristrutturazione

La Legge di Bilancio 2021 conferma il Bonus ristrutturazioni 2021 con una detrazione 50%, fino al limite di spesa di 96.000 euro, per tutti i lavori di ristrutturazione edilizia che siano stati effettuati fino al 31 dicembre 2021. È possibile scegliere se optare per la cessione del credito e per lo sconto in fattura: si tratta del bonus per coprire i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria in condominio o negli edifici singoli. Anche in questo caso sono confermati i lavori di ristrutturazione che comportano anche un risparmio energetico e ovviamente l’obbligatorietà di invio della comunicazione ENEA.

Fra i lavori manutenzione ordinaria coperti dal bonus ristrutturazioni ci sono:

  • installazione di ascensori e delle scale di sicurezza
  • la realizzazione e il miglioramento dei servizi igienici
  • la sostituzione degli infissi esterni, serramenti o persiane con le serrande
  • il rifacimento di scale e delle rampe
  • la costruzione delle scale interni
  • gli interventi finalizzati al risparmio energetico
  • la recinzione dell’area privata


Bonus ristrutturazioni, chi può richiederlo

Il Bonus ristrutturazioni può essere richiesto da tutti i contribuenti soggetti al pagamento delle imposte sui redditi, che siano residenti o non residenti in Italia.

La detrazione del 50 per cento dall’Irpef potrà essere richiesta dal proprietario, ma anche dai diversi soggetti che sostengano le spese, vale a dire:

  1. proprietari o nudi proprietari;
  2. titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione);
  3. locatari oppure comodatari;
  4. soci delle cooperative divise e indivise;
  5. Gli imprenditori individuali se gli immobili rientrano fra i beni strumentali o merce.

Comunicazione ENEA bonus ristrutturazioni 2021, le tempistiche

Anche per tutti i lavori di ristrutturazione che vengano conclusi nel 2021, se rientrano nell’ambito delle operazioni di risparmio energetico, sarà necessario inviare la comunicazione ENEA. La comunicazione obbligatoria era stata già prevista da diversi anni per l’ecobonus, ma da tre anni a questa parte è stata estesa anche per il bonus ristrutturazioni.

È obbligatorio effettuare la comunicazione all’ENEA gli interventi relativi alle:

  • Strutture edilizie (solare termico, bonus caldaie etc.)
  • Infissi
  • Impianti tecnologici
  • Elettrodomestici 2


Ci sono 90 giorni di tempo a disposizione per poter inviare la comunicazione ENEA: si tratta del termine che generalmente segue la data di messa online del portale per i bonus casa dell’anno di riferimento.

La comunicazione deve essere effettuata direttamente dal portale dopo aver effettuato la registrazione e poi l’accesso. È anche prevista una gioia per seguire e assistete nella compilazione, una guida che è possibile scaricare gratuitamente.

Dovrete inviare la comunicazione, scaricare il modello, firmarlo e conservarlo per tutto il periodo in cui si avrà diritto alla detrazione e di tratterà di un documento importante in caso di accertamento.

Dovranno essere conservati per eventuali controlli dell’Agenzia delle Entrate:

  1. La Scheda descrittiva inviata all’ENEA firmata;
  2. La Stampa dell’email di conferma e l’invio della comunicazione contenente il codice CPID;
  3. Tutte le schede tecniche degli eventuali prodotti installati e supportati da certificazione del produttore;
  4. Tutte le fatture relative alle spese sostenute e bonifici per le agevolazioni fiscali;
  5. La Certificazione dell’amministratore nel caso di tratti di condomini.

L’obbligo di comunicazione è stato introdotto dalla Legge di Bilancio 2018 per consentire all’ENEA di riuscire a effettuare il monitoraggio e la valutazione del risparmio energetico con la realizzino di interventi edilizi e tecnologici che comportino un risparmio di energia o l’utilizzo di fonti rinnovabili per l’accesso al bonus.

La scadenza per la comunicazione

La comunicazione ENEA dovrà essere necessariamente effettuata dai cittadini, dalle imprese, o dai condomini che vogliano avvalersi delle detrazioni fiscali, per le ristrutturazioni edilizie e gli interventi di riqualificazione energetica. La comunicazione deve essere obbligatoriamente effettuata entro 90 giorni dalla chiusura dei lavori o dal collaudo delle opere, ma una volta inviata la comunicazione sarà possibile modificarla o integrarla anche dopo i 90 giorni qualora ci si renda conto di aver commesso degli errori o di aver dimenticato qualcosa. La comunicazione potrà essere rettificata nella dichiarazione dei redditi per cui la spesa viene portata in detrazione.

Per la data di fine lavori si possono considerare:

  • La dichiarazione di fine lavori a cura del direttore dei lavori quando prevista (CILA, SCIA, ecc.);
  • La data del collaudo anche se parziale;
  • La Data della dichiarazione di conformità se sia prevista;
  • In caso di elettrodomestici sarà possibile considerare la data del bonifico o di qualche altro documento di acquisto ammesso.

In caso di omesso o tardivo invio della comunicazione non si perderà il diritto al bonus ristrutturazioni, ma è prevista una sanzione di 258 euro.

PREVENTIVO RISTRUTTURAZIONE, COME CALCOLARLO

ENEA, l’autenticazione con lo SPID

Ricordate che a partire dal 1° ottobre 2021, per inserire sui portali Enea tutte le nuove pratiche SuperEcobonus, Ecobonus e Bonuscasa, sarà necessario autenticarsi solo ed esclusivamente con login SPID. In realtà le nuove procedure di autenticazione sono attive fin dal 1 settembre scorso, ma c’è temp un mese per renderle del tutto obbligatorie. Come previsto in materia di detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici, è anche necessario trasmettere telematicamente all’Enea tutte le informazioni che sono relative agli interventi terminati dal 2018 in poi che possono accedere alle detrazioni fiscali del 50% per le ristrutturazioni edilizie (il cosiddetto bonus casa) e che prevedono un risparmio energetico e/o utilizzo delle fonti rinnovabili.

I documenti da inviare

Ma quali sono i documenti da inviare?

I documenti vanno inviati direttamente dal sito ENEA. Eccoli:

  • Attestato di certificazione energetica (Allegato A) completo di Firma del tecnico, Timbro, Dichiarazione che i lavori eseguiti rispecchiano i requisiti necessari per usufruire della detrazione fiscale
  • Scheda descrittiva riguardante i lavori che sono stati eseguiti (Allegato E).

Se gli interventi riguardano:

  • Sostituzione di impianti termici, dovrà essere inviato, l’Allegato E e la comunicazione Enea dovrà essere effettuata entro 30 giorni dal cambio della caldaia;
  • Sostituzione di infissi: necessario solo l’invio del modello AllegatoF;
  • Installazione di pannelli solari richiede l’invio solo dell’Allegato F.

BONUS RISTRUTTURAZIONE SECONDE CASE

Come inviare la comunicazione

Per effettuare la comunicazione è necessario

  • Effettuare la registrazione al sito dell’ENEA, ottenere user name e password;
  • Effettuare il login con le credenziali ottenute;
  • Inserire i dati anagrafici del beneficiario della detrazione;
  • Inserire i dati dell’immobile ristrutturato;
  • Compilare correttamente gli allegati;
  • Controllare i dati inseriti e inviare;
  • Stampare una copia della comunicazione inviata. Riceverete una ricevuta con un codice che sarà la prova dell’invio comunicazione.

Articoli simili: